Restare positivi in un periodo così sfidante – per non dire nero – si può. Anzi si deve, perché ridere fa bene allo spirito e, prima di tutto, al corpo. Ben oltre la saggezza popolare per cui riso fa buon sangue, esiste una disciplina, lo yoga della risata, che fa di questa pratica un’attività da esercitare quotidianamente: un po’ come una ginnastica del cuore che produce benefici sull’umore e sulla salute.

A spiegarci come funziona è Lara Lucaccioni, maceratese, master trainer di yoga della risata e principale formatrice italiana della disciplina: «Nella nostra pratica la risata è un esercizio che coinvolge tutto il corpo e produce una reazione biochimica ormai dimostrata da numerose ricerche, raccolte anche in PubMed (motore di ricerca che raccoglie studi scientifici di biomedica dal 1949 ad oggi, ndr)». Infatti esiste una disciplina che studia il fenomeno del ridere, la gelotologia, e che approfondisce i legami fra sistema nervoso, endocrino e immunitario.

«Quando ridiamo compiamo un’espirazione che permette di espellere l’anidride carbonica bloccata nella parte bassa dei polmoni ‒ spiega Lucaccioni ‒: respirando di pancia, sblocchiamo il diaframma e immettiamo più ossigeno, il che ha molti effetti benefici. Fra i tanti, la riduzione del cortisolo ‒ ormone dello stress ‒, l’innalzamento della serotonina e delle endorfine, gli ormoni considerati antidolorifici naturali, un aumento delle immunoglobuline IgA e IgG che innalzano la nostra risposta immunitaria. Un recente studio giapponese ne ha dimostrato gli effetti anche sulla circolazione sanguigna e sul sistema cardiovascolare. Quindi, sì, ridere fa bene prima di tutto al corpo».

Dieci minuti bastano Può sembrare curioso, ma chi pratica la disciplina si incontra in sessioni di gruppo in cui l’obiettivo è ridere: «Un incontro tipo ‒ continua Lucaccioni ‒ prevede un esercizio di respirazione diaframmatica in cui, nell’espirazione, si ride; si passa poi a una fase di interazione visiva per stimolare neuroni specchio e favorire l’effetto contagio della risata, per arrivare al momento della “meditazione della risata”: l’obiettivo è ridere per dieci minuti, il tempo che occorre perché si produca quella biochimica della risata».

Istinto naturale Pandemia, lockdown, guerra: obiettivamente, i motivi per ridere non sono molti, ma secondo lo yoga della risata tutto questo ha effetto anche se la risata è indotta e non spontaneamente scaturita da un episodio divertente, come spiega Lucaccioni.
«Porta il tuo corpo a ridere e la tua mente lo seguirà: questo il principio base della disciplina che, naturalmente, deve svolgersi in gruppo, perché la risata è, per definizione, qualcosa di corale. È condivisione, è un ponte che riduce le distanze e cambia anche il nostro modo di rapportarci agli altri e agli eventi. Saper ridere è una competenza che aiuta a reagire attivamente proprio rispetto agli eventi più negativi: durante il lockdown, ad esempio, abbiamo offerto sessioni quotidiane di risata online che hanno aiutato tanti a rompere la solitudine e ad attraversare quel momento terribile».

Ma se è così facile e naturale ‒ basti pensare a un neonato che a pochi mesi già ride ‒, perché da adulti ridiamo così poco? «Ridere è un codice naturale con cui i neonati e i bambini esprimono benessere ‒ spiega Lucaccioni ‒. Poi arrivano le regole e diventa quasi sconveniente, perché fa rumore, crea disordine, è imbarazzante. Nel tempo perdiamo l’allenamento alla risata, per un mix di motivi: l’educazione familiare e scolastica, il peso del proprio ruolo sociale e le vicende personali, che spengono questa capacità istintiva. Fortunatamente la pratica si sta diffondendo molto, anche come strumento di supporto alle terapie psicologiche, nei centri anziani, nel mondo della disabilità, ma anche nelle scuole, come corso per gli insegnanti riconosciuto dal Miur. Ce n’è molto bisogno, quindi un consiglio per tutti: cominciate, e subito!».

Una disciplina nata nel 1995 Il medico indiano Madan Kataria, in seguito a una serie di studi sugli effetti della risata sulla salute, con un piccolo gruppo di persone riunite in un parco pubblico di Mumbai, dà il via al primo gruppo di  Yoga della risata il 13 marzo 1995. Da allora la disciplina si è diffusa con migliaia di club e si stima che conti 3 milioni di membri in 116 Paesi del mondo.
A Madan Kataria si deve anche la giornata mondiale della risata, che si celebra il primo maggio e vuol contribuire alla pace nel mondo attraverso la pratica di fratellanza e amicizia del ridere insieme.   

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui