Donna_dieta.jpgIl principale “trucchetto” per non abbuffarsi e mangiar sano, è quello di fare delle 5 porzioni di frutta e di verdura al giorno il proprio mantra personale. Con 5 porzioni di frutta e verdura al giorno, infatti, poco spazio (e tempo) resterà per dedicarsi ad altri cibi, più calorici e ingrassanti. Per questo tutto comincia dalla spesa.

Quando fate la spesa, comprate solo cibi sani, cioè tanta frutta e verdura (da usare anche come snack, tipo mela o gambi di sedano). Rifuggite patatine, merendine varie, cibi precotti con grassi, gelati, dolcetti eccetera. Se in casa non ci sono questi alimenti, non avrete la tentazione di mangiarli: lontano dagli occhi, lontano dal cuore, insomma. E imparate a leggere le etichette! Troverete le indicazioni delle calorie, dei grassi contenuti e spesso, come nelle confezioni Coop, anche dell’attività fisica necessaria a smaltire le calorie in eccesso.

Bere uno o due bicchieri d’acqua prima di ogni pasto. Può capitare che il cervello scambi la sete per fame; in ogni caso, la presenza di liquidi nello stomaco lascia meno spazio per il cibo e ci aiuta a raggiungere prima il senso di sazietà. Allo stesso modo, bere durante i pasti è un ottimo modo per “ingannare” lo stomaco.

Prima la verdura, poi il resto. E’ un trucco vecchio come il mondo: mangiare una bella insalatona aiuta a raggiungere prima il senso di sazietà e ad avere meno spazio per i cibi più calorici.

Imparare a mangiare lentamente, posando forchetta e coltello dopo ogni morso e masticando a lungo, almeno 50-60 volte. Non riprendere in mano le posate finché il boccone non è stato ingoiato. Se ne avvantaggerà anche la digestione.

Usare piatti piccoli: si serviranno automaticamente porzioni più piccole. E vedere un piatto pieno ci darà più soddisfazione.

– Mettere nel piatto cibi che richiedono una masticazione un po’ laboriosa: l’atto del masticare in modo “hard” induce il cervello a credere che abbiamo mangiato a sufficienza. No quindi a sole vellutate, creme, purè o cibi frullati che si deglustiscono troppo in fretta. Meglio cereali integrali, verdura poco cotta o cruda (quando possibile); e frutta intera, anche con la buccia (ovviamente quando si può).

Non mangiare leggendo o guardando la tv: purtroppo queste attività distraggono dall’atto della masticazione e quindi possono indurci a farlo meccanicamente, senza neppure accorgerci di quello che stiamo facendo…

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui