Treviso.jpgTreviso è una piacevole città attraversata da numerosi corsi d’acqua, tra i quali il Sile, il Botteniga e il Cagnan, che avvolgono il centro storico donandogli un fascino unico. Il cuore pulsante del borgo antico, ancora chiuso all’interno delle mura, è piazza dei Signori sulla quale si affacciano l’elegante Loggia Dei Cavalieri e il palazzo dei Trecento, al cui interno si trova il grandioso salone che ospitava le riunioni dei trecento consiglieri in epoca comunale.

In un vicino vicoletto si incontra la copia in pietra d’Istria della curiosa Fontana delle Tette, che rappresenta un busto di donna senza veli. Costruita nel Cinquecento dalla Repubblica di Venezia in seguito ad una forte siccità che colpì  Treviso e la campagna circostante,  pare venisse utilizzata per festeggiare l’ingresso del nuovo Podestà. Per tre giorni dai seni della marmorea signorina, simbolo della Marca “gioiosa et amorosa”,  sgorgava infatti vino: rosso da una parte e bianco dall’altra.

La fontana originale è oggi conservata nel vicino Museo Casa Da Noal, che ha sede in uno dei più interessanti esempi di gotico tardo veneziano in Treviso. Una breve passeggiata conduce quindi alle belle case porticate con le facciate affrescate che si riflettono sul canale dei Buranelli  (ritratte da moltissimi pittori), con i salici che si gettano nelle acque del Cagnan; all’isola della Pescheria, creata artificialmente nel fiume  per ospitare il mercato del pesce, e alla Riviera Santa Margherita che, correndo lungo il Sile, fu l’antica sede del porto cittadino.  
Una visita al Duomo permette di ammirare, all’interno della Cappella Malchiostro, gli affreschi del Pordenone e la pala con l’Annunciazione del Tiziano, mentre nei vicini Musei Civici, con sede nell’ex convento di Santa Caterina dei Servi di Maria, sono esposte, tra le altre, opere di Giovanni Bellini, Lorenzo Lotto, Tiziano e Jacopo Bassano.

La trecentesca  Ca’ dei Carraresi, così chiamata per la presenza sulla facciata dello stemma voluto dai da Carrara per indicare che l’edificio era stato adibito a residenza di funzionari e soldati della nobile famiglia, è oggi sede di interessanti mostre temporanee, come l’attuale “Tibet. Tesori dal Tetto del Mondo” aperta fino al 2 giugno.  Merita una visita, inoltre, la chiesa domenicana di San Nicolò, con la celebre sala del Capitolo affrescata da Tommaso da Modena dove, guardando con attenzione, si notano un paio di occhiali poggiati sul naso di uno dei monaci raffigurati: probabilmente la prima rappresentazione di occhiali nella storia dell’arte.

Nel Tempio di San Francesco, in un ambiente sobrio ed austero, come da tradizione francescana, riposano le spoglie di Pietro Alighieri e Francesca Petrarca, figli dei celeberrimi Dante e Francesco.
La visita della città può quindi proseguire con una passeggiata lungo i corsi d’acqua, alla scoperta di piccoli angoli magici, delle cinquecentesche Porta San Tomaso, Santi Quaranta e Altinia, costruite per dare accesso a Treviso attraverso le mura di cinta, e delle numerose osterie, dove gustare i prodotti tipici della zona. Un’ultima sosta davanti alla stazione permette di ammirare  la Grande Sfera in acciaio patinato  di Toni Benetton (Treviso, 1910- 1996), scultore di fama internazionale. 

Info utili

Treviso, situata a soli 40 km da Venezia è comodamente raggiungibile con i treni regionali in partenza dalla stazione di Venezia-Mestre. Chi preferisce utilizzare l’auto deve uscire al casello di Treviso Sud dell’Autostrada Venezia-Belluno. Per informazioni sulla città e sulle possibilità di alloggio consultare il sito www.visittreviso.it o contattare l’Ufficio IAT al tel. 0422-547632.
La guida turistica “Treviso”, scritta da Lorenzo Burresi (edizioni Skira, 6,90 euro), è ricca di notizie utili alla visita ai beni artistici della città.

Primavera del prosecco

A pochi chilometri da Treviso iniziano le dolci colline dai cui  vigneti nasce il celebre vino Prosecco. Da marzo a giugno tra Conegliano e Valdobbiadene si svolge la Primavera del Prosecco DOCG (www.primaveradelprosecco.it, tel. 0438-893385), una maratona  enogastronomica di quattro mesi che coinvolge undici Comuni, con le loro cantine che si dedicano  alla produzione di questo celebre spumante. Una piacevole occasione per conoscere da vicino anche tanti altri prodotti di nicchia della tradizione enologica collinare, quali il Cartizze Docg, il Refrontolo Passito Doc, il Torchiato di Fregona Doc, il Colli di Conegliano Docg bianco e rosso, il Verdiso, e per scoprire un territorio di rara bellezza. Il programma prevede la visita delle cantine, passeggiate, escursioni in bicicletta e a cavallo, degustazioni guidate, serate a tema, mostre ed eventi sportivi. Chi vuole visitare uno dei templi del Prosecco può prenotare (tel.  0438-364611), la visita guidata alle cantine del Carpenè Malvolti in via Carpenè 1 a Conegliano.

Città equa e solidale

Se Treviso, oltre che una piacevole città d’arte ed acqua, è anche equa e solidale. Qui è stato recentemente inaugurato  (viale della Repubblica / via Ellero) l‘Altromercato Store, il più grande negozio dedicato al commercio equosolidale d’Italia, con il meglio dell’economia sostenibile: prodotti alimentari, accessori, articoli regalo, bomboniere e liste nozze, detersivi, cosmetici e la nuova collezione moda “Auteurs du Monde”, disegnata dalla stilista Marina Spadafora.  E nei due fine settimana del 25 e 26 maggio e 1 e 2 giugno il Parco di Sant’Artemio accoglie la “Fiera Quattro Passi (www.fieraquattropassi.org) verso un mondo migliore”, una delle manifestazioni più importanti a livello nazionale dell’economia equa e solidale.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui