Riscaldamento_casa.jpgUltimi mesi per usufruire delle detrazioni fiscali relative ai lavori di adeguamento alla direttiva europea che impone la termoregolazione e contabilizzazione in ogni appartamento condominiale.

Il governo sembra orientato a ripensarci e nella legge di stabilità di fine anno potrebbe rivedere, come già successo, o ampliare (come parrebbe) le attuali scadenze. I bonus così come sono formulati oggi sono in vigore fino al 31 dicembre 2015, dopodiché si dovrebbe tornare al regime fiscale di alcuni anni fa con percentuali di sconto inferiori: del 36% per i lavori di ristrutturazione edilizia e del 40% per quelli di efficientamento energetico.

Ma ripercorriamo ora insieme quello che si può fare, sia in casa sia nelle parti comuni di un condominio, godendo delle detrazioni Irpef e Ires rimborsabili in dieci anni sulla dichiarazione dei redditi. I beneficiari, precisa Enea, sono tutti i contribuenti, persone fisiche, professionisti, società e imprese che sostengono spese per l’esecuzione degli interventi su edifici esistenti, su loro parti o su unità immobiliari esistenti di qualsiasi categoria catastale, anche rurali, posseduti o detenuti.

In base al tipo di intervento si può usufruire di due tipi di agevolazione. Il 50% per la ristrutturazione edilizia è utilizzabile se nel palazzo si fanno solo interventi di termoregolazione e contabilizzazione. Il 65% per l’efficientamento energetico è disponibile se puntate al miglioramento delle prestazioni termiche dell’involucro dell’edificio (attraverso la coibentazione di solai, pareti o la sostituzione di serramenti o parti di essi o l’installazione di schermature solai). Vantaggio esteso a chi installa impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili (fino a un massimo di 30 mila euro) o pannelli solari (fino a un massimo di 60.000 euro). Sono detraibili inoltre le spese per tende esterne, chiusure oscuranti, dispositivi di protezione solare in combinazione con vetrate, e in generale le schermature. Per tutto il 2015 resterà al 65% anche la detrazione per le spese destinate agli interventi antisismici e di messa in sicurezza statica.

Per ottenere le agevolazioni l’amministratore condominiale deve comportarsi come il singolo cittadino, pagando il fornitore tramite apposito bonifico bancario. Servono, inoltre, l’asseverazione di un tecnico sulla corrispondenza dell’intervento ai requisiti di legge e la scheda dei lavori fatti.

Per altre informazioni: efficienzaenergetica.acs.enea.it (portale Enea dedicato alle detrazioni fiscali per il risparmio energetico degli edifici esistenti)

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui