Attenzione, il web non dimentica

Si dice che la Rete non dimentica e che ogni traccia che lasciamo online sarà per sempre ricercabile e, nel caso, utilizzabile anche contro di noi. Il fatto che le informazioni siano tanto più accessibili e permanenti che in passato ha aperto un animato dibattito sul diritto all’oblio: qual è …

La privacy al tempo di Internet

Prova a ripensare a cos’è successo intorno al 25 maggio scorso: quante email hai ricevuto che avevano come unico scopo l’aggiornamento dell’informativa sull’uso dei dati o la preghiera di rinnovare il consenso per continuare a scriverti? È come se molte aziende si fossero improvvisamente poste una domanda che in realtà …

Facebook non vende i tuoi dati, ma chiediti chi li usa e come

Tutti lasciamo ogni giorno moltissime tracce digitali: non solo navigando online, ma quando paghiamo con bancomat, carta di credito o telepass, usiamo una tessera fedeltà, telefoniamo o semplicemente passiamo davanti a una telecamera di sorveglianza. Presi individualmente questi dati non valgono pressoché nulla; ma analizzandoli tutti insieme si possono estrarre …

Chi vede cosa? Ecco la privacy ai tempi di Facebook

L’avvento dei social network ha trasformato molte delle nostre conversazioni a voce in scambi per iscritto, ricercabili e permanenti. È importante esserne consapevoli, perché “verba volant, scripta manent”. 1) Le informazioni sempre pubbliche Il nome e le foto che hai scelto su come foto profilo e copertina di Facebook sono …