Lo stress termico a cui il nostro corpo rischia di essere sottoposto se la temperatura, in casa, dovesse scendere troppo, riguarda in qualche modo anche gli impianti di riscaldamento. In altre parole, accendere e spegnere più volte al giorno la caldaia è da evitare. «Oggi l’evoluzione consente di andare verso sistemi che non siano solamente on-off, con il problema che quando riattacco creo un picco di consumo – spiega l’ingegner Federico Musazzi, segretario di Assotermica, l’associazione dei produttori di apparecchi e componenti per impianti termico –. Si va verso una tecnologia intelligente che grazie ai cronotermostati consente di regolare la temperatura, e si diffondono generatori come caldaie, pompe di calore o ibridi, che combinano i diversi vettori energici e li selezionano in base ai momenti in cui il costo dell’energia è più basso».

Quando non si è in casa, è sempre meglio tarare il termostato su qualche grado in meno, per poi alzarlo al rientro? «In via generale è corretto, con la postilla che i gradi devono essere valutati anche in funzione dei terminali di emissione. Faccio un esempio: se ho il riscaldamento a pavimento, diffuso nella nuova edilizia, questo ha tempi di messa a regime più lunghi, per cui il suggerimento è di tenere temperature più basse e nelle fasce di utilizzo di aumentarle. I caloriferi classici, invece, arrivano in temperatura più velocemente, per cui ci si può permettere una discontinuità maggiore». E se ci si assenta per lunghi periodi di tempo? «In questo caso ha senso spegnere e magari, con sistemi comandati da remoto, riaccendere il giorno prima. Nelle ore notturne, c’è da aggiungere, per il benessere e la qualità del sonno non è mai un bene avere troppo caldo in casa. Poi c’è una tema di qualità dell’aria e si diffondono i sistemi di ventilazione meccanica per un miglior confort». Il parco macchine, conclude l’ingegnere, va svecchiato accelerando sulla riqualificazione energetica degli edifici, ma a livello individuale determinante, per la resa di un impianto, resta una corretta manutenzione.

Redazione

Redazione

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui