Sacchetti di plastica,
il Tar conferma il divieto di commercializzazione

Il Tar del Lazio ha confermato il divieto di commercializzazione dei sacchetti in plastica, entrato in vigore il 1° gennaio scorso. Il Tribunale ha, infatti, respinto la richiesta avanzata da Unionplast e 4 altre aziende produttrici di sospensione del provvedimento con cui il Ministero dell'Ambiente ha introdotto il divieto.
Secondo il Tar non sussistono i presupposti per accogliere le richieste dei ricorrenti. Unionplast e gli altri ricorrenti contestavano il divieto sotto un profilo tecnico (ritenendolo illegittimo in quanto non disposto con un decreto ministeriale preventivamente sottoposto all'attenzione della Commissione europea), e sotto un profilo economico (perché lo stesso avrebbe portato a un drastico e improvviso crollo degli ordini di acquisto e all'annullamento dei contratti di vendita con serie ricadute occupazionali).
"E' una grande soddisfazione – commenta Stefano Ciafani, responsabile scientifico di Legambiente – La conferma del Tar del divieto di commercializzazione dei sacchetti in plastica, difende le ragioni dell'ambiente e di chi si è battuto per difendere una legge innovativa che pone l'Italia all'avanguardia rispetto al grave problema dell'inquinamento causato dalla plastica dispersa". Legambiente, infatti, era intervenuta contro il ricorso dei produttori di plastica, sostenendo le ragioni del Ministero dell'Ambiente. "Aver introdotto questo divieto – aggiunge Ciafani – ci colloca, in Europa e nel mondo, tra i Paesi più virtuosi proprio perché si tratta di una norma dalla grande valenza ambientale, soprattutto per un paese come l'Italia, dove si consuma addirittura il 25% dei sacchetti commercializzati nei 27 Stati membri e che si affaccia sul Mediterraneo, uno dei mari più colpiti dall'inquinamento da plastica come testimoniano i tanti rapporti dell'Unep su questo problema".

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui