RUBRICA - Italiani brava gente

Un’eccellenza italiana: la bicicletta elettrica con 4 brevetti

 “Hai voluto la bicicletta? E adesso pedala!” è un modo di dire e significa che hai fatto una scelta e allora subiscine le conseguenze. Per estensione: le cose belle, e la bici indubbiamente lo è, costano fatica. Una specie di morale, anche cattiva, che ora non è più valida: “Ho voluto la bicicletta ma non pedalo perché è elettrica”.

O pedalo poco, con il 70% di fatica in meno. Si chiama bicicletta a pedalata assistita, o semplicemente elettrica, ed è un grande successo in tutta Europa: l’anno scorso ne sono state vendute 854mila, 50mila in Italia. Mette insieme i vantaggi della bici con quelli del motorino creando un mezzo ecologico che sta cambiando la mobilità: permette di affrontare percorrenze di molti chilometri anche se non si hanno i polpacci di Alberto Contador, quello che ha vinto il Giro d’Italia, e di arrivare al lavoro in bicicletta senza essere inzuppati di sudore.

A Milano, da maggio, ce ne sono mille sparse per la città, da usare in condivisione e sono un grande successo: inforchi la bici e vai. Ma per te pedala Pisapia, il sindaco. Non costa poco – gli esperti dicono che il prezzo medio d’acquisto in Europa è di 1600 € – ma poi le spese di gestione sono trascurabili: le batterie al litio garantiscono un’autonomia di diverse decine di chilometri e con 35 centesimi di ricarica se ne fanno cento.

E per la legge quella a pedalata assistita è come una bici normale: senza burocrazia e obblighi particolari. Quasi tutte le bici elettriche sono assemblate con componenti già presenti sul mercato, i motori sono tedeschi o giapponesi.

Ma con una bella eccezione: a Recoaro Terme, nel vicentino, c’è un’azienda che ne fa una made in Italy e con dentro tantissima innovazione. Quattro brevetti internazionali: uno sull’antifurto che ha un codice PIN, come la scheda del cellulare e senza quello la bici gira a vuoto, tipo un’auto in folle. Un buon disincentivo per il ladro. Un altro brevetto per un cambio elettronico sequenziale rotativo direttamente integrato nel motore: è difficile da spiegare ma funziona che è una meraviglia e governa la catena tenendola al chiuso. Così non serve lubrificarla, si usura meno e la ruota di dietro si smonta alla svelta e senza sporcarsi le mani. Inoltre un design minimal e raffinato con motore e cambio che quasi non si vedono.

L’azienda si chiama Siral, dietro c’è un signore, Fabrizio Storti, che rappresenta la migliore capacità italiana di anticipare i cambiamenti: negli anni ’90 produce i telaietti delle diapositive, brevettando un paio di macchine innovative. Poi capisce che sta arrivando la fotografia digitale e bisogna immaginarsi qualcos’altro. Così passa ai sanitari, quelli del bagno, inventando un prodotto che rende più forti piatti doccia, lavelli e vasche ma è anche ecologico ed è il primo. Adesso cinque anni di ricerche e tre modelli di bici innovative di fascia alta.

Si chiamano Neox e ad Eurobike, la fiera internazionale della bicicletta che si tiene in Germania ed è la più importante d’Europa, è stata appena premiata con l’Innovation Award. “Sintesi di integrazione, design e tecnica, ma tutto al più alto livello”, dicono i giudici. Un successo italiano in casa dei tedeschi, che dominano il mondo della bici elettrica. Tanta soddisfazione, adesso pedalare.

1 Commento

  1. ho pochi elementi per ipotizzare un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui