RUBRICA - Nutrizione e salute

Un pasto sostitutivo al posto del pranzo?

Un paziente che non vedo da tempo, da più di 6 mesi, sostituisce il pranzo con un “beverone” in polvere da shakerare; trovando molto pratica questa soluzione mi chiede un’opinione e da questo spunto nasce l’articolo che vi propongo. La comodità di sostituire un pasto, soprattutto il pranzo sul lavoro, con qualcosa di pratico e veloce è un’esigenza che trova riscontro nell’esistenza di prodotti commerciali già 40 anni fa; frequentemente oltre alla praticità viene promosso anche un aiuto nel controllo del peso corporeo. Il mercato dei sostituti del pasto ha come leader una nota azienda statunitense di network marketing, o multi-level marketing che, sfruttando la rete di conoscenze personali di ognuno di noi, può trasformare in venditore di diete ed integratori qualsiasi potenziale cliente. Il mercato in questione è ricco e la sola azienda leader oggi fattura quasi 5 miliardi di dollari, pur essendo stata colpita nel 2016 da una rilevante ammenda dalla Federal Trade Commission statunitense: 200 milioni di dollari per aver indotto in errore i consumatori in merito ai potenziali guadagni.

Al di là di questi risvolti, storicamente è stata la necessità di sostituire i normali cibi con alimenti liquidi che ha fatto nascere la nutrizione clinica negli ospedali, dove da più di 90 anni si usano pasti sostitutivi in forma liquida (“nutrizione enterale”) per quei pazienti che non sono in grado di alimentarsi in modo autonomo. Le conoscenze acquisite in ambiente clinico sono notevoli: le aziende coinvolte hanno fondato centri di ricerca e finanziato studi scientifici che hanno consentito di ingegnerizzare formule sofisticate, idonee a pazienti con esigenze particolari come in caso di insufficienza renale, di malattie oncologiche oppure in terapia intensiva. È da sottolineare come tutte le linee guida sulla nutrizione clinica evidenzino che, non appena il paziente è in grado di alimentarsi da solo, è preferibile passare dalla nutrizione enterale all’alimentazione normale.

Il medesimo suggerimento vale per le persone sane: è sempre preferibile usare alimenti comuni e non ricorrere a sostitutivi. L’idea che un pasto sostitutivo possa essere una scelta più sana o più completa di un alimento normale è una chimera. Il motivo è presto spiegato: non conosciamo ancora tutte le molecole contenute negli alimenti; più li studiamo e più molecole vengono scoperte, e di queste nuove molecole non conosciamo ancora bene la funzione e il rapporto con la nostra salute. Ebbene come può un alimento artificiale essere completo o addirittura più ricco di nutrienti quando molti di essi sono ancora sconosciuti? Dunque, se si tratta di sostituire sporadicamente (o per breve tempo) un pasto è un conto, ma pensare di utilizzare a lungo un pasto sostitutivo non è raccomandabile: gli esiti sono quantomeno imprevedibili, ed è alta la probabilità di non consumare quella pluralità ancora sconosciuta di nutrienti di cui sono naturalmente ricchi molti alimenti.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui