RUBRICA - Cibo e Cultura

Un abbondante pranzo da re

Atto primo, scena XV della “Cenerentola” di Gioachino Rossini, messa in musica su un testo di Jacopo Ferretti. Attorno alla tavola imbandita si ritrovano i protagonisti principali del “dramma giocoso”: Don Magnifico, nobile decaduto che vorrebbe far sposare una delle sue figlie al principe di Salerno Don Ramiro; Ramiro stesso, che fin dall’inizio dell’opera si è travestito da scudiero per meglio sondare i sentimenti di Magnifico e delle sue figlie; la serva Cenerentola, di cui Ramiro è innamorato e che ovviamente finirà per sposarlo; Dandini, cameriere di Don Ramiro, a cui il principe ha chiesto di prendere il suo posto, fingendosi il principe mentre lui osserva da lontano. Di fronte ai cibi abbondanti portati in tavola, Dandini commenta fra sé e sé: “Oggi che fo da principe, per quattro vo’ mangiar”.

Siamo nel 1817, anno di prima rappresentazione dell’opera a Roma. Il testo serve a divertire, come fa divertire noi duecento anni dopo. Ma quello che a noi oggi sfugge è che quell’idea, all’epoca, non era solo comica. Essa aveva anche ben precisi riferimenti politici e ideologici. Fin dal Medioevo, infatti, la quantità del cibo era percepita come attributo del potere. Dapprima era stata una sorta di obbligo sociale: all’epoca di Carlo Magno mangiare molto era un segno di forza e di robustezza fisica, una qualità ritenuta indispensabile all’esercizio della guerra e del comando. Se un signore era di scarso appetito, non era considerato degno di regnare. Con il passare dei secoli, il rapporto fra quantità di cibo e dignità sociale prese a invertirsi, configurandosi non più come dovere ma piuttosto come diritto. Il paradigma non era più che la capacità di mangiare giustifica il potere, ma che, al contrario, il potere giustifica l’abbondanza di cibo sulla propria tavola.

Nei cerimoniali di corte del tardo Medioevo e del Rinascimento, la quantità di cibo che deve essere presentata nelle singole tavole è stabilita in modo addirittura aritmetico, a seconda della dignità e del grado del commensale. Per esempio, alla corte di Pietro III d’Aragona (1344) nel vassoio del re era previsto che fossero servite vivande per otto persone; cibo per sei era servito nel vassoio dei principi reali, degli arcivescovi, dei vescovi; cibo per quattro nei vassoi degli altri prelati e cavalieri che sedevano al banchetto del re. Disposizioni di questo genere durarono a lungo in Europa. Il cerimoniale di corte dei Borbone, a Napoli, le prevede ancora nell’Ottocento. L’epoca in cui Ferretti scrive il libretto per Rossini.

Tutto questo per dire che la frase di Dandini non va presa come una semplice battuta, poiché rimanda a un immaginario assai radicato nella società del tempo. A una vera e propria ideologia alimentare. Chi è più in alto nella scala sociale, ha diritto a mangiare di più.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui