RUBRICA - Terra, uomini e clima

Tessuti di plastica

Settant’anni fa arrivarono i piatti di plastica, oggi siamo arrivati alla plastica nel piatto! Con la diffusione dei materiali plastici usa e getta – soprattutto imballaggi – e con le fibre sintetiche derivate dal petrolio – poliestere e nylon – con le quali confezioniamo abiti, tessuti e un’enormità di oggetti domestici e industriali, abbiamo riempito l’ambiente di residui non biodegradabili in grado di intossicare la vita e la nostra salute.
Dal 1950 a oggi sono stati prodotti oltre otto miliardi di tonnellate di plastica e buona parte di questa è andata dispersa nell’ambiente, in mancanza di sistemi di raccolta e di riciclo. La plastica è versatile, leggera, igienica e a basso costo. Però – come scrisse Primo Levi, che era un chimico – “è un po’ troppo incorruttibile”, così ce la ritroviamo accumulata nei mari e nei suoli. Dopo un po’ di tempo, sotto l’azione della luce solare, tende a frammentarsi in particelle sempre più piccole e invisibili, che si diffondono ovunque ed entrano nella catena alimentare: le microplastiche sono state trovate nella pioggia, nella neve delle zone artiche e sui ghiacciai alpini e ovviamente nelle acque oceaniche, nei pesci, negli uccelli.
Si stima che in Europa ogni anno entrino nell’ambiente marino tra le 200 mila e le 500 mila tonnellate di fibre microplastiche da tessuti. Quando le mangiamo insieme al cibo, trasportano nel nostro corpo sostanze tossiche come i bisfenoli, gli ftalati e altri additivi. Se per la plastica degli imballaggi la soluzione sta nella riduzione del suo uso e nella scrupolosa raccolta differenziata, per le microfibre che si liberano dai nostri abiti, collant, abbigliamento sportivo, tende, lenzuola e tappeti in materiali sintetici, è tutto più difficile, in quanto non le vediamo.
I filtri delle lavatrici hanno maglie troppo larghe, attraverso le quali ne sfugge la maggior parte, e anche certi nuovi sacchetti-filtro entro i quali si mettono i capi sintetici destinati al lavaggio, pur essendo a maglie più fini, non sono ancora in grado di trattenere tutte le particelle. Si limitano a intercettare quelle più grandi, visibili anche a occhio nudo, che poi si asportano a mano per smaltirle nei rifiuti.
Per tentare di ridurre la dispersione delle microplastiche nelle acque di lavaggio abbiamo poche possibilità: prediligere capi in fibre naturali biodegradabili, fare lavaggi un po’ meno frequenti, non utilizzare la centrifuga ad elevate velocità. Ma è chiaro che la soluzione a questo ennesimo problema ambientale va trovata a monte e a valle dell’utente dei tessuti e degli abiti: in fase di concezione delle fibre sintetiche, al fine di limitare la formazione di microframmenti o renderli biodegradabili, e in fase di depurazione delle acque reflue, con nuove tecnologie di separazione di questi residui subdoli e ancora non normati dalla legge.
Intanto l’Agenzia Europea per l’Ambiente (Eea) ha da poco pubblicato lo studio “Plastic in textiles: towards a circular economy for synthetic textiles in Europe”, che analizza l’impatto ambientale dei tessuti sintetici e propone alcune vie da seguire per ridurli, in un’ottica di economia circolare. Un primo passo.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui