RUBRICA - Italiani brava gente

Sei Comuni diventano uno

“Tu di dove sei?”, chiede uno. L’altro risponde: “Io sono di…”. Sembrerebbe una cosa semplice, a volte diventa complicato. Perché c’è di mezzo quel rapporto particolare che lega i posti dove si vive, o dove si è nati, al loro nome. Sulla riduzione del numero delle province erano tutti d’accordo: meno spese, semplificazione, tagli.
Poi è arrivato il provvedimento del governo che accorpa un po’ di province ed è scoppiata una guerra civile di lamentele. Perché a tutti spiace perdere un po’ della propria identità. Anche solo la sigla – FI al posto di PT, LI invece di PI – che prima stava sulla targa dell’auto e adesso si usa sempre di meno. Ma rinunciarci brucia. Quindi grande rispetto per i sindaci di sei comuni che provano a fare un passo controcorrente: fondersi per diventare uno solo.
Succede in provincia di Rovigo, se la provincia di Rovigo continuerà a chiamarsi così, dove Arquà Polesine, Costa di Rovigo, Frassinelle Polesine, Pincara, Villamarzana e Villanova del Ghebbo scompaiono per diventare un altro comune, uno solo.
Antonio Bombonato, primo cittadino di Costa di Rovigo, parla anche a nome dei colleghi e non ha dubbi: “Ci guadagniamo tutti”. Di sicuro 300mila euro dal taglio ai costi della politica, ridotti a un sesto di quelli attuali con un solo unico sindaco, una sola giunta e un solo consiglio comunale. Poi altri 400mila che arrivano dai maggiori trasferimenti statali. E c’è anche il premio che la Regione Veneto dovrebbe mettere a disposizione per i comuni che si “sposano”.
Nessun taglio invece ai servizi per i cittadini: restano dove sono gli uffici Anagrafe, i Servizi sociali, gli uffici per le relazioni col pubblico. Gli altri vengono accorpati, così ne guadagna l’efficienza e si riducono ancora i costi fissi, perché tutti i contratti di manutenzione passano da sei a uno. Restano, nelle sedi dei Municipi, sei Consigli di Municipalità, una rappresentanza locale con cinque consiglieri eletti.
Valutano le decisioni più importanti ma non percepiscono indennità. E poi c’è un vantaggio di stazza: il nuovo comune, con 100 chilometri quadrati di superficie e 12mila abitanti mentre i vecchi ne hanno tra 1.300 e 2.800, si “muove” in maniera differente, per esempio nella capacità di attirare investimenti.
“Ad un cambiamento così importante si arriva per tappe – continua Bombonato – con la presentazione pubblica di uno studio di fattibilità, poi con i sei consigli comunali che votano la fusione, la Regione che dà il via libera e alla fine un referendum, da tenersi probabilmente nel novembre 2013, dove serve il parere favorevole della maggioranza dei votanti in tutti dei sei comuni. Ma la cosa più importante – ci tiene a sottolinearlo il sindaco – è spiegare bene ai cittadini il significato di questo cambiamento”. Per esempio che restano inalterati i nomi dei luoghi, con l’identità storica e di territorio.
In Veneto l’ultima fusione tra comuni risale a diciassette anni fa. In Italia ci sono 8.092 comuni, molti piccoli e piccolissimi. Ma le fusioni non arrivano a dieci negli ultimi venti anni. Quindi molti auguri a Civitanova Polesine. Si chiamerà così, con un nome nuovo di zecca. Dà un’idea di futuro e piace anche per questo.  

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui