RUBRICA - Italiani brava gente

Più verde sui tetti per rinfrescare le città

Abbiamo passato l’estate guardando sgomenti le immagini dell’Amazonia che brucia. Caldo e fiamme. L’agosto scorso è stato il secondo più caldo degli ultimi 40 anni in Europa. Ci sono stati, qui da noi, meno incendi boschivi rispetto ad altre estati, ma i roghi dell’Amazzonia, dall’altra parte del globo, li abbiamo sentiti vicini. È cambiata, sta cambiando, la nostra percezione del mondo. Sappiamo di essere ospiti di un piccolo pianeta: la nostra vita di tutti i giorni è interconnessa all’ossigeno che producono le foreste sul Rio delle Amazzoni; la carne che mettiamo nel carrello della spesa disegna il futuro di tutti; la deforestazione intorno all’Orinoco ha un legame con il piantare alberi qui da noi, in città. C’è un appello che si ispira alla Laudato si’, l’enciclica di Papa Francesco. È rivolto ai cittadini di buona volontà, alle aziende, ai comuni, a tutti. Chiede «di piantare in Italia 60 milioni di alberi nel più breve tempo possibile. Uno per ogni italiano».

C’è un progetto di piantarne tre milioni a Milano, in città e appena fuori. Perché entro i prossimi 30 anni due cittadini del mondo su tre abiteranno in una città e la sfida per il clima si gioca nei viali della grandi metropoli. A Milano, dal 2001 al 2017, la temperatura della città è salita di 2 gradi. E salirà ancora. Le città arrostiscono chi ci vive dentro. Ci si difende con l’aria condizionata, ma così aumentano i consumi di energia e l’emissione di gas serra e prima o poi da casa o dall’ufficio devi uscire. Poi ci sono le isole di calore, quei pezzi di città dove le temperature sono più alte perché c’è più inquinamento e più cemento.

Lì, soprattutto per bambini e anziani, il caldo diventa anche una questione di salute. Occorre pensare in avanti, prepararsi ai cambiamenti, inventare e copiare. Per esempio far salire il verde anche sopra le case. Si chiamano tetti verdi: un prato, un orto, sopra il condominio. In una sera d’estate prendi l’ascensore e vai su a vedere come stanno maturando i pomodori, incontri quello del terzo piano e finisce che scambi due parole. Così, forse, la prossima assemblea di condominio sarà un po’ meno avvelenata. A Milano i tetti verdi potrebbero arrivare a 12 milioni di metri quadri. È un modello “copiato” da Rotterdam. Per i corridoi verdi che puliscono l’aria, abbassano le temperature fino a tre gradi e rendono la città più bella hanno fatto molto a Meddelin, Colombia.

C’è un network di città sparse per il mondo – si chiama 100 Resilient Cities – che fanno resilienza urbana. Vuol dire prepararsi a fronteggiare i problemi. Sia le emergenze di un momento (alluvioni, incendi, crollo di infrastrutture, ondate di calore, terrorismo, epidemie e altri disastri), sia le situazioni croniche che avvelenano le città: inquinamento, disoccupazione, carenza di alloggi, mancanza di coesione sociale, invecchiamento della popolazione, povertà e iniquità sociale.

Sono le sfide ambientali, sociali ed economiche del futuro.  È un compito di quelli da far tremare i polsi e bisogna far presto. Piero Pelizzaro, il Chief Resilient Officer del Comune di Milano, dice: «Ora e sempre resilienza: il clima è mutato la terra è in pericolo». Adesso, in autunno, gli alberi ci regalano anche lo spettacolo dei colori.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui