RUBRICA - Nutrizione e salute

Perdere peso: non riesco o non voglio?

In seguito a quanto ho scritto su questa rivista sul rapporto tra edonismo, neuroscienze e dieta, un lettore mi ha scritto ponendo una domanda decisamente interessante: «È possibile che sia il grasso addominale che mi fa venire l’anedonia (incapacità di provare piacere), e che io la compensi mangiando?».

Il lettore si dimostra preparato, riportando quanto letto in un articolo su Trends in Cognitive Sciences, intitolato: «Non riesco o non voglio? Conseguenze metaboliche ed immunitarie della dopamina». Ho colto con piacere questo stimolo, ed imparato qualcosa di nuovo che cercherò di trasmettere, a mia volta, ai lettori. Molte dipendenze, tra cui l’obesità, hanno a che fare con la dopamina: l’essere umano cerca di aumentarne la quantità con stimoli che possano dare piacere, ed uno di questi è il cibo.

Nell’articolo si discute del fatto che uno stato di infiammazione cronica possa ridurre i livelli di dopamina. Cosa che, a livello comportamentale, scoraggia dal compiere sforzi («non riesco») rispetto a quanto desideriamo una tal cosa («non voglio»). Un soggetto in sovrappeso si può dunque chiedere: «non riesco o non voglio dimagrire?»; le neuroscienze ad oggi spiegano che il cervello in un soggetto obeso è predisposto a perdere la motivazione necessaria ad un simile sforzo. Questi meccanismi accadono a prescindere dalla propria volontà, ovvero da tutte quelle motivazioni che possono farci prendere la decisione «devo dimagrire»; possono dunque spiegare come mai anche persone molto determinate in altri aspetti della propria vita non riescano a perdere peso (e mantenerlo).

Alle osservazioni degli autori dell’articolo aggiungo una caratteristica nota a chi si occupa di obesità: l’obesità è causa di una infiammazione cronica di basso grado; dunque proprio tale infiammazione può essere causa della riduzione di dopamina che, a livello comportamentale, condizionerà la difficoltà nel perdere il peso una volta accumulato.

Tornando alla domanda del lettore, la sua intuizione è corretta, ovvero è proprio il grasso addominale ad essere particolarmente legato all’infiammazione cronica; tuttavia il motivo per cui nel sovrappeso si fatica a rimanere a dieta non sembra essere relativo all’anedonia, ma alla difficoltà nel mantenere con determinazione la motivazione al cambiamento. Il prof. Michael Treadway spiega questo apparente controsenso con una motivazione evolutiva: l’infiammazione è necessaria a combattere infezioni o guarire da ferite. Per tale motivo era normale (e protettivo) che durante la nostra evoluzione, in presenza di una infiammazione, fossimo più tranquilli, meno motivati a fare altre attività prima della guarigione. Anche per questo sono particolarmente allarmanti i dati di ottobre 2019 relativi all’obesità infantile in Italia che ci pongono al primo posto in Europa: si è portati a pensare che poi si cresce e basterà un poco di sport e una dieta e si sistema tutto, ma gli sforzi che un ragazzo deve fare per dimagrire sono enormi. Da oggi sappiamo che anche la dopamina rema contro i migliori propositi, facendo parte di quell’insieme di circoli viziosi che rendono l’obesità così difficile da contrastare.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui