RUBRICA - Terra, uomini e clima

Perché nelle “task force” manca il medico giusto?

Sono decine le “task force” messe insieme per orientare il mondo post coronavirus da parte di governi, regioni, associazioni commerciali e industriali. E molti hanno annunciato che questo mondo futuro, per evitare i gravi rischi che corriamo per i cambiamenti climatici e il degrado degli ecosistemi, dovrà assolutamente essere più sostenibile, più rispettoso dei limiti ecologici, più “green”. Poi vai a vedere le composizioni di queste task force e scopri che mai al loro interno c’è un rappresentante di chi questi rischi naturali li studia. Ci sono quasi sempre manager, economisti, avvocati e commercialisti, affiancati da sociologi ed esperti di marketing.

Ma di climatologi, oceanografi, glaciologi, idrologi, biologi, zoologi, botanici, geomorfologi, pedologi, architetti della sostenibilità, ingegneri ambientali ed energetici, io non ne vedo mai. Eppure il mondo va avanti perché è basato su processi fisici che ci offrono un clima favorevole, acqua, aria e risorse rinnovabili, non perché risponda alle illusorie leggi economiche degli umani. Che semmai stanno proprio minacciando l’integrità di questi processi, con il rischio ormai concreto di compromettere l’abitabilità del nostro piccolo pianeta dotato di vita. Mi sembra che le scienze del sistema Terra si possano paragonare ai medici per una persona: avvertono che c’è una patologia che va curata. Ma invece di chiamarli a consulto, la famiglia convoca l’assicuratore, il direttore della banca dove il paziente ha il conto, il funzionario dell’agenzia delle entrate, il datore di lavoro, e domanda loro quali soluzioni adottare per guarire più in fretta possibile e poter tornare così a produrre, a pagare la rata del mutuo e le tasse.

Guarda caso, tutte le medicine da costoro proposte aggraveranno lo stato di salute già precario del nostro malato, mentre i medici, tenuti fuori, si sbracciano dai vetri per dire che no, così non funzionerà, il paziente-Terra ha solo bisogno di riposo e di una dieta più sana. Ma nessuno li ascolta e così ancora una volta alla Terra verranno somministrate pozioni tossiche che porteranno dritti alla prossima crisi. Quali sono le medicine sbagliate secondo i medici ambientali? L’ossessione per una crescita economica infinita in un mondo finito, l’utilizzo del Pil come indicatore di benessere, la cementificazione e le grandi opere, l’uso eccessivo di energia fossile, la spinta alla crescita dei consumi e alla produzione di rifiuti, la deforestazione, l’agricoltura e l’allevamento industriale, il sovrasfruttamento delle risorse ittiche, l’aumento della popolazione globale.

Quale dovrebbe essere la corretta terapia? Energie rinnovabili, efficientamento energetico delle abitazioni e degli edifici industriali e commerciali, protezione del suolo, manutenzione del territorio, telelavoro per ridurre i trasporti, limitato uso dell’aereo, agricoltura sostenibile e dieta a basso tenore di carne, economia circolare e riciclo rifiuti, riparazione e riuso contro l’usa e getta, più sanzioni per chi inquina, più incentivi per chi protegge l’ambiente, meno aumento demografico. La vita e il futuro dell’umanità non sono compatibili con la tirannia dell’economia e della finanza, riformiamole prima che sia troppo tardi.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui