RUBRICA - Un Pianeta Da Difendere

Per la Basilicata meglio il turismo o le trivelle?

Ho preferito scrivere di trivellazioni e idrocarburi a referendum espletato per evitare di entrare nella spirale di polemiche pre-voto. Una questione centrale, però, mi sembra sia stata elusa: ha senso trasformare integralmente l’economia di una regione a vocazione eminentemente agricola, pastorale e turistica come la Basilicata per ottenere una fonte energetica effimera e che ha un impatto sociale e ambientale devastante? Lo sviluppo economico legato ai combustibili fossili e all’uso dei carburanti ha il fiato corto, soprattutto perché è legato a una logica insensata dell’incremento dei consumi, come se il pianeta Terra fosse diventato improvvisamente inesauribile. Purtroppo così non è, e, anzi, è ormai obbligatorio dubitare che possa esistere una qualsiasi forma di sviluppo economico sostenibile dal pianeta. Per questa ragione si comincia a fare strada la nozione di decrescita sostenibile, frase che fa accapponare la pelle agli economisti, ma che è evidentemente l’unica via per una Terra così densamente popolata.

L’attuale economia energetica si basa su pozzi, oleodotti, raffinerie, centrali termoelettriche, linee di trasmissione che, tutte assieme, assommano a circa 10.000 miliardi di dollari, un prezzo che nessuna società potrà ammortizzare se non prima di una trentina di anni. Dunque, nessuna meraviglia se le compagnie petrolifere vogliono sfruttare il petrolio fino all’ultima goccia, visti anche i ricavi faraonici che possono lucrare da ogni giacimento. Il petrolio lucano (viste le royalties così basse) non sfugge a questa logica: denari spesi in opere la cui utilità è spesso dubbia e scarsa propensione al raffreddamento dei consumi. Con la possibilità concreta che, una volta finito lo sfruttamento, quello che resta in mano sia davvero poca cosa: territorio devastato e/o controllato dalle corporation, occupazione a zero, frutteti abbandonati e aree archeologiche o naturalistiche trascurate. Investire tutte le potenzialità in quel mondo significa comunque non interessarsi più dei settori tradizionalmente forti della Basilicata: agricoltura di pregio, turismo, beni culturali e parchi devono resistere comunque.

Tutto questo come se non ci fosse stata la Conferenza di Parigi sul clima, in cui il nostro paese ha controfirmato un accordo su base volontaria per uscire progressivamente dai combustibili fossili, primo obiettivo -50% entro il 2030. E quando vogliamo farlo, tutto nel 2029? Di questi ragionamenti non c’è stata eco nel dibattito mediatico, come se il progresso non dovesse mai fermarsi a riflettere, ma solo avanzare. Verso dove? Però sempre più persone oggi nutrono il dubbio che forse sarebbe stato meglio lasciare quel petrolio lucano a riposare nel sottosuolo, magari a costituire una riserva strategica da usare nel momento del bisogno o, semplicemente, per aver compreso che non si può basare lo sviluppo su risorse che stanno per finire.  

 

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui