RUBRICA - Cibo e Cultura

Parlare di cibo, cosa è cambiato

Oggi si parla molto di cibo. Anche troppo… Ma non siamo i primi a farlo: di cibo, gli uomini hanno sempre parlato molto. Letteralmente e metaforicamente, per combattere la fame quotidiana o per disegnare immagini del mondo, per produrre e per vendere ma anche per rappresentare, attraverso la tavola, identità collettive e rapporti sociali. Trattati di agronomia e di botanica, manuali di dietetica, norme legislative e regolamenti commerciali, libri di cucina e di buone maniere, letteratura d’invenzione e di intrattenimento, non c’è testo che in qualche modo non abbia intercettato uno o più aspetti della cultura alimentare. E accanto agli scritti le tradizioni orali, esperienze e saperi trasmessi attraverso i gesti, o magari in forme proverbiali.

La ragione di tutto ciò è semplicissima, addirittura banale. Mangiare è la prima necessità del vivere quotidiano e perciò incarna, ed esprime, una gamma vastissima di valori materiali e mentali, fra loro diversi e talora opposti. Tra fame e piacere, scienza e lavoro, socialità e salute, il “discorso sul cibo” ha sempre avuto un ruolo centrale nelle attenzioni degli uomini. Perché dunque stupirsi di quanto posto abbia oggi nei media?

L’elemento di novità in effetti esiste, ed è la stessa esistenza dei media: non il contenuto (che è antico) ma il supporto dell’informazione. I mezzi di comunicazione di massa hanno impresso un’accelerazione impressionante alla quantità di dati, notizie, parole spese intorno al cibo – che, oggi come ieri, veicolano attenzioni e prospettive diverse. Da un lato coinvolgono la minoranza di quanti possono permettersi di ricercare il buon cibo, il nuovo ristorante segnalato, il prodotto speciale, la ricetta salutare. È a loro che parlano i cuochi-artisti, esibendosi in cucina come i cantanti all’opera o gli attori a teatro. Ma i media non si accontentano di questo: la loro vocazione è parlare a tutti. Ecco allora moltiplicarsi giochi, gare, reality show, lezioni di cucina per ogni sorta di pubblico.

Ciascuno ha diritto al suo spettacolo e il cibo è il soggetto ideale attorno a cui costruire discorsi e rappresentazioni, proprio perché si tratta di un oggetto essenziale, che tutti conoscono (o credono di conoscere) e frequentano quotidianamente. Ma dietro l’apparenza di un discorso comune – parlare di cibo – si confermano e si consolidano contrasti e distanze. Il denaro e il potere che consentono l’accesso alle risorse, l’identità di classe e il senso di appartenenza sociale, il peso della cultura e delle ideologie rimangono decisivi. Non bastano una tavola imbandita e un piatto di minestra per farci sentire (e per essere) tutti uguali, senza contare quelli – ancora troppi – che la minestra neppure ce l’hanno.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui