RUBRICA - Cibo e Cultura

Pane di terra

Il cronista Rodolfo il Glabro racconta che nel 1032-33, durante una terribile carestia, fu tentato un esperimento singolare: «Molti estraevano una sabbia bianca, simile ad argilla, e, mischiandola alla quantità disponibile di farina e di crusca, ne ricavavano delle pagnotte, per cercare anche così di scampare alla fame».

A leggere queste righe, il primo sentimento è di commiserazione: quanta fatica, quante sofferenze hanno patito gli uomini per sopravvivere – non solo nel Medioevo: notizie come questa sono ricorrenti nelle cronache, attraverso i secoli. Ma è possibile vedere le cose in modo diverso. Fare il pane con la terra era una risposta consapevole, controllata, “razionale” all’incombere della fame. Una vera sfida culturale. Nella storia dell’alimentazione, che è spesso una storia di fame, i pani “di sostituzione” sono una regola. Solo in casi estremi si ricorreva alla terra (e non deve trattarsi di esagerazioni retoriche: in varie regioni del mondo esistono tipi di argilla realmente commestibili). Più normalmente si usavano cereali inferiori, legumi, castagne (“pane d’albero” sono chiamate nei documenti). Nei momenti più difficili si cercavano le ghiande, sottraendole ai maiali. Perfino erbe e radici selvatiche erano forzate a realizzare piatti noti, sapori conosciuti. Un altro cronista medievale, Gregorio di Tours, racconta che nel VI secolo «una grande carestia oppresse le Gallie. Molti facevano il pane con i semi dell’uva o con i fiori dei noccioli; altri con le radici delle felci pressate, seccate e ridotte in polvere, mescolate con un po’ di farina. Altri facevano la stessa cosa con l’erba tagliata nei campi». Tutto ciò era segno di fame profonda, ma non meno profonda era la cultura che queste pratiche presupponevano: saperi consolidati dall’esperienza, costruiti di generazione in generazione dietro la spinta della necessità.

Anche gli scienziati si occupavano di queste pratiche sostitutive, per insegnare ciò che, probabilmente, i contadini già sapevano bene. Ibn al-Awwan, un agronomo arabo del XII secolo, scrive che se si vuole fare il pane con prodotti inusitati ci vuole molta prudenza, e crescente attenzione a mano a mano che si passa dai cereali ai legumi, alle piante foraggere, alle verdure e ai frutti domestici, infine alle erbe e alle radici selvatiche.

Di particolare interesse è il ruolo che attribuisce al gusto in queste difficili operazioni. Perché certe piante potrebbero non essere commestibili, e allora “bisogna verificarne il gusto di base, e se non è buono modificarlo con opportuni procedimenti”, soprattutto attraverso successive bolliture; “quando il gusto è diventato buono, si fa seccare il frutto, lo si macina, indi si procede alla panificazione”. È il gusto, in fin dei conti, a fare da guida nella scelta e nel trattamento dei prodotti. Anche il mondo della fame ha bisogno del gusto per sopravvivere.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui