RUBRICA - Le parole per dirlo

Non spegniamo il nostro fuoco

Qualche settimana fa mio figlio, 10 anni, mi guarda dritto negli occhi e domanda a bruciapelo: “mamma, tu sei femminilista?”. La prima risposta, d’acchito: “Ovvio, sono una femmina”; la seconda è una precisazione, ovvero che il termine da lui coniato non esiste, ma che quello giusto è “femminista”. Da quel momento si apre un dibattito casalingo che perdura in via quotidiana.

Ascoltando le parole della scrittrice francese Annie Ernaux – premio Nobel per la letteratura 2022 – riguardo l’educazione impartitale dalla madre, che disprezzava la condizione di casalinga e pertanto crebbe la figlia perché non si trovasse rinchiusa in quella gabbia nella quale le donne rischiano di perdere sé stesse e rinnegare talenti, predisposizioni, desideri, non ho potuto fare a meno di pensare a me stessa ragazza nel rapporto con mia madre, casalinga in gabbia. Io figlia unica, ragazzina talentuosa e testarda, ma indisciplinata, sognatrice e un po’ ribelle. La madre di Annie non vuole che lei si occupi delle faccende di casa o della cucina perché li considera compiti inferiori al lavoro dello spirito e anche mia madre, in effetti, che aveva grande rispetto del mio “talento” tanto da averci scommesso anche quando a scuola non andavo granché bene e, senza il suo pervicace sostegno, sarei andata a lavorare a 15 anni invece di approdare all’università dove ho poi trovato la mia dimensione e la mia strada, mi lasciava libera da queste incombenze: forse troppo.

Ho pensato a bell hooks, scrittrice e attivista femminista afroamericana ribelle, scomparsa nel 2021. Nel volume che contiene “Elogio del margine” e “Scrivere al buio” in collaborazione con Maria Nadotti, bell (mi raccomando, con la minuscola) insiste nel dare importanza al ruolo centrale, “sovversivo”, che nella cultura afroamericana hanno avuto le donne nell’accudire casa e famiglia. Il focolare domestico è una forma di resistenza: le comunità si compattano intorno a quel focolare e di lì resistono all’oppressione del potere esterno grazie alla forza di chi da dentro tiene acceso il fuoco, come la dea Vesta venerata dai Romani e dai Latini. Le questioni politiche si affrontano anche a partire da quel luogo intimo. Lì, anche donne che non hanno potuto studiare possono rivelarsi preziose. Penso così alle arzdore emiliane, le reggitrici della casa e della famiglia, fiere detentrici di un potere generativo e di accudimento.

E quindi, care femminiliste (e femminilisti!), facciamoci un regalo natalizio speciale: cerchiamo di non far sentire e non sentirci in colpa se non avremo nessuna voglia di preparare pranzi e cene di Natale, ma non sentiamoci neanche sottomesse al patriarcato se invece stiamo pensando da tre mesi agli addobbi della tavola e all’antipasto. Non sentiamoci in colpa se quest’anno abbiamo lavorato troppo e tolto tempo alla famiglia, né se abbiamo dedicato più ore ai figli che ne avevano bisogno e abbiamo perso qualche colpo al lavoro, e neanche se siamo single con gatto, o amanti di uno/a sposato/a: anche il focolare di una single può essere luogo di accudimento familiare e amicale. Sappiamo benissimo qual è il vero punto e l’obbiettivo: il rispetto, da parte delle istituzioni e delle politiche sociali, nei confronti di un lavoro esistenziale e quotidiano che richiede alle donne tantissima energia. Non lasciamo che nessuno si permetta di spegnere il nostro fuoco.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui