RUBRICA - Web&Social

Non solo divieti. Il difficile mestiere di genitori digitali

E’ un dato di fatto: bambini e adolescenti di oggi, nati nell’era di internet e degli smartphone, vivono i dispositivi digitali come una presenza quotidiana, una comoda estensione di sé che permette loro di comunicare con gli amici, attingere a una sorgente inesauribile di distrazione e divertimento, immergersi in avventure ludiche appassionanti.

Per genitori e insegnanti questo è spesso un motivo di preoccupazione, soprattutto per quegli adulti che invece si sentono ancora non del tutto a proprio agio nella dimensione digitale; “immigrati digitali” è una metafora calzante e suggestiva per definire questa generazione di mezzo, nata prima della diffusione di internet come fenomeno di massa e costretta a usare la tecnologia come una “seconda lingua” imparata per forza.

Tuttavia l’approccio semplicistico di limitarsi a definire regole rigide (quante ore di schermo al giorno, dove si può e non si può usare lo smartphone) rischia di minare alle basi il ruolo che dovremmo avere come adulti: quello di guidare e favorire la crescita delle giovani generazioni.

Ogni volta che sento un genitore o un insegnante confessare candidamente, anzi a volte rivendicare con orgoglio, “io di internet e computer non so (e non voglio sapere) niente”, mi chiedo: cosa succederà quando i suoi figli e studenti si troveranno di fronte a un problema durante le loro esplorazioni digitali? A chi si rivolgeranno, se sanno che gli adulti di riferimento della loro vita sono completamente incapaci di capirli e aiutarli?

Sediamoci a fianco dei nostri bambini, ragioniamo con loro sui video di YouTube che gli piacciono, aiutiamoli a fare una ricerca per i compiti e a valutare quanto sono affidabili i risultati. Facciamoci spiegare il loro videogioco preferito e giochiamo insieme a loro: i videogiochi sono un universo di storie e di dinamiche di relazione, dare un senso a queste trame è un processo delicato e importante, perché lasciarlo tutto sulle loro spalle?

Se ci sembra difficile, iniziamo con piccoli passi: io confesso di essere negata per i videogiochi, territorio che lascio al papà di mio figlio, ma mi sforzo almeno di farmi raccontare un po’ di quel che succede dentro a Minecraft e Fortnite, e cerco poi di recuperare su altri versanti.

Per approfondire:  il libro/1
Il metodo per crescere bambini in un’era digitale È questo il titolo del libro (edito da Newton Compton) di Jordan Shapiro, docente di filosofia e uno dei massimi esperti mondiali di competenze digitali e tecnologia nell’istruzione, apprendimento e nuove tecnologie. L’autore dà consigli pratici ai genitori di oggi su strumenti e tecniche per utilizzare la tecnologia allo scopo di coinvolgere i bambini e aiutarli a imparare e crescere.

il libro/2
Il gioco come metafora della rivoluzione digitale  Nel suo ultimo libro, The Game (Einaudi Editore), Alessandro Baricco sostiene che il concetto fondante della rivoluzione digitale sia la logica dei videogame: interazioni veloci, apprendimento che passa dall’esperienza saltando completamente lo studio della teoria e delle regole, gratificazioni continue e immediate per ogni ostacolo superato. Il libro è molto di più, e ne consiglio assolutamente la lettura perché è una riflessione davvero illuminante sul nostro tempo.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui