RUBRICA - Web&Social

Non basterà solo una app a salvarci dal coronavirus

Una delle conseguenze della scarsa diffusione della cultura scientifica è che l’atteggiamento dell’opinione pubblica nei confronti della tecnologia oscilla fra due poli: da una parte il sospetto verso ogni “nuova diavoleria”, e dall’altra una fede cieca nell’esistenza di una soluzione tecnologica per tutto.

Così, quando si è iniziato a parlare di app per il tracciamento dei contatti e la rilevazione del rischio di contagio, il messaggio che girava – anche per responsabilità di una comunicazione pubblica piena di semplificazioni e salti logici azzardati – era che sarebbe bastato scaricarla e attivarla per fermare la diffusione del coronavirus, consentendoci di uscire velocemente dal lockdown.

In quella fase, chiunque avanzasse dubbi o chiedesse chiarezza sull’architettura del sistema di tracciamento veniva zittito al grido di “hai già regalato i tuoi dati a Facebook e a Google, adesso fai storie per cedere un po’ di privacy in cambio della salute?”. Per fortuna poi, grazie alla discussione aperta fra esperti di sicurezza e attivisti e grazie anche alla posizione pro-privacy dei grandi network tecnologici, ha prevalso una soluzione più equilibrata: si raccoglieranno solo i dati indispensabili; questi dati non saranno memorizzati in un sistema centrale, dove avrebbero potuto essere usati per altri scopi, ma conservati sui singoli smartphone, per il tempo strettamente necessario a verificare i potenziali rischi di contagio.

Il tracciamento, da solo, non serve a niente Come puntualizza l’epidemiologo Alessandro Vespignani, una strategia efficace di contenimento del virus si basa sulle cosiddette 3T:
Testare: attrezzarsi per fare tamponi e test sierologici in gran numero, sia in presenza di sintomi leggeri, sia agli asintomatici a rischio;
Tracciare: poter ricostruire, a partire da ogni caso, la catena dei potenziali contagi;
Trattare: avere terapie migliori e un numero sufficiente di letti in terapia intensiva, agire in uno stadio più precoce della malattia, potere ospitare i malati in residenze ad hoc perché non contagino i familiari.
Se non ci sono test e trattamenti, il tracking da solo non serve a nulla.

La tecnologia non è infallibile Gli algoritmi possono sbagliare; i server possono essere hackerati; ogni sistema richiede interventi umani, e le persone possono sbagliare o agire con secondi fini.
Non sarà una app a salvarci, e per trovare soluzioni che funzionano bisognerà sempre esaminare più punti di vista, con pazienza e umiltà.

Le domande da farsi sulle app Carola Frediani, esperta di sicurezza informatica che ho già citato in questa rubrica, ha scritto vari articoli sulla questione delle app di tracciamento; in particolare ne consiglio uno che parte con alcune domande da farsi prima di affidarsi ciecamente a qualunque app. www.valigiablu.it/coronavirus-emergenza-tecnologia/

Il coronavirus spiegato bene Roberta Villa è una giornalista scientifica dotata di rara chiarezza e onestà intellettuale, che in questi mesi è stata una fonte preziosa di notizie affidabili. Potete seguirla su Instagram @robivil e su Facebook www.facebook.com/lavillasenzavirgola/

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui