RUBRICA - Alfabeto Alimentare

Natale A Tavola, No AI Divieti SÌ Alle Porzioni Ridotte

La battaglia enogastronomica delle festività natalizie è iniziata già da Novembre, quando negli scaffali dei supermercati si affacciavano i primi panettoni e le confezioni da regalare per tempo a parenti, amici. Quest’anno, mi limiterò a privilegiare la moderazione delle porzioni, piuttosto che la dogmatica proibizione dei cibi cosiddetti a rischio per eccesso calorico o per sovraccarico metabolico.

Il buonsenso e i dati scientifici dimostrano che non esistono cibi del commercio buoni o cattivi ma solo nutrienti diversamente utili; al riguardo il semaforo rosso per quelli più ricchi di grassi e zuccheri è stato rifiutato anche che dagli esperti della Comunità europea, inglesi a parte!

Tuttavia, alcuni cibi sanissimi possono risultare inadatti per problemi personali, allergici o digestivi, oppure debbono essere consumati saltuariamente e comunque in porzioni ridotte dai portatori di ipercolesterolemia, diabete, ipertensione o di altre patologie. Per questo e non per un buonismo natalizio dovremmo evitare proibizioni che stravolgono le percentuali di nutrienti indispensabili per la completezza della miscela alimentare.

Forse qualche lettore si meraviglierà nell’apprendere che le Società scientifiche competenti consigliano 2 o 3 uova alla settimana anche per gli ipercolesterolemici in trattamento. Oppure, rifletterà sul fatto che nei secoli scorsi morivano prima i diabetici condannati drasticamente all’esclusione di pasta, riso, pane, frutta e dolciumi, rispetto a coloro che si limitavano a ridurli. Oggi, un atleta diabetico, bene istruito dal suo medico, può arrivare al podio olimpico senza rinunciare a nessun piatto ma sapendo comporre la dovuta percentuale di proteine, carboidrati e grassi, senza autopunirsi con deprimenti rinunce.

Quindi, proviamo a ridurre le porzioni prima di abolire intere classi di cibi a rischio non per demeriti nutrizionali ma solo per la densità calorica inadatta per coloro che non hanno modo e voglia di smaltirla come al tempo dei bisnonni mediterranei, lavoratori manuali e camminatori obbligati.

Non a caso diversi anni fa, quando l’epidemia di “diabesità” era solo agli inizi, ho intitolato un mio libro: “La dieta si fa contando i passi: meno diete più movimento”. Troppi colleghi hanno sottovalutato lo stile di vita concentrandosi, invece, sulla condanna di particolari cibi e su diete troppo restrittive con risultati deludenti a medio e lungo termine.

In conclusione, le festività di fine anno non devono comportare, almeno per le persone sane, troppi interrogativi del tipo: “peccare o rinunciare”, penalizzando quella convivialità che arricchisce una tavola ricca di salumi, timballi, carni (finalmente grasse e quindi più gustose). Un assaggio si potrà anche consentire! Se non altro lo dobbiamo alla professionalità dei cuochi e alla serenità nostra e dei commensali. Non dimentichiamoci che un motto, antico ma tuttora valido: “non si ingrassa da Natale a Capodanno ma da Capodanno a Natale”. Allora, buone feste e per una volta buon appetito!

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui