RUBRICA - Cibo e Cultura

McItaly?

Riassumiamo i fatti. Qualche mese fa la multinazionale McDonald’s mette sul mercato un panino “italiano”, denominato McItaly, costituito da ingredienti tutti di produzione nostrana: carne 100% italiana, pane all’olio extravergine di oliva dei Monti Iblei, crema di carciofi italiani, una fetta di Asiago, un ciuffo d’insalata. Parallelamente al McItaly, in altre regioni del mondo vengono presentati un McGreek (con la “pita” al posto del pane, e yogurt e verdure), un McLaks (sandwich con salmone norvegese) e così via, fino al McFalafel egiziano, al McKebab israeliano, al McMaharaja indiano e a molte altre declinazioni “nazionali” del tradizionale hamburger. Questo pacchetto di proposte risponde con grande intelligenza (pur rispettando i meccanismi produttivi e distributivi della McDonald’s) alla domanda di cibo “locale” che viene oggi dai consumatori, in modo sempre più forte e convinto: lo stesso processo di globalizzazione alimentare, paradossalmente, ha contribuito a rafforzarla.
La nascita del McItaly è patrocinata dal ministro delle politiche agricole Luca Zaia, per rilanciare i prodotti italiani in un momento economicamente difficile e facendo loro assumere un’inedita visibilità internazionale: addirittura, il ministro si fa fotografare con indosso un grembiulone targato McDonald’s, nell’atto di addentare golosamente il nuovo panino. E si scatena la polemica: Carlin Petrini, il padre di SlowFood, esprime le sue perplessità: può un ministro della repubblica sponsorizzare un’industria privata? Inoltre: quanto, del giro di affari movimentato dal McItaly, effettivamente finirà nelle tasche dei contadini e degli artigiani italiani, di quei pochi che ancora resistono al prepotere della grande industria alimentare?
Lasciando a ciascuno la libertà delle proprie opinioni, vorrei considerare la vicenda dal punto di vista strettamente gastronomico. È davvero possibile considerare il panino McItaly come espressione del “gusto italiano”, come sostiene il ministero auspicando che anche attraverso operazioni di questo genere “le nuove generazioni possano avere una memoria gustativa d’impronta italiana”? In realtà mi sembra che ci troviamo di fronte a un grosso equivoco, quello di scambiare i prodotti con le ricette, la materia prima con l’uso che se ne fa in cucina. Il manzo può essere italiano, come pure la crema di carciofi o il formaggio o il pane. Ma il modo in cui questi prodotti vengono messi insieme – la “ricetta” del panino – ha poco a che fare con la tradizione gastronomica del nostro paese. Qualcuno ha mai visto una “svizzera” combinarsi dentro un panino con una fetta di provolone e della crema di carciofi? Questa non è “cultura italiana”, questi sono prodotti italiani assemblati sul modello McDonald’s (che infatti scrive, nella pubblicità del McItaly: “il gusto McDonald’s parla italiano”). I produttori sicuramente ne saranno contenti. I consumatori faticheranno a riconoscervi la propria identità gastronomica.

Massimo Montanari

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui