RUBRICA - Cibo e Cultura

Mangiare in casa e fuori

Qualche anno fa, proprio nelle pagine di questa rivista, mi è capitato di riflettere sul senso che l’espressione “fatto in casa” ha assunto nel linguaggio contemporaneo. Scrivevo che “fatto in casa” è sinonimo di qualità e trasmette un’idea decisamente positiva, vincente sul piano culturale così come nel marketing commerciale, tant’è che le stesse industrie alimentari non esitano a rivenderla sul mercato chiamando in causa come garanti e testimonial improbabili mamme, nonne e zie (oggi anche nella versione maschile di padri, nonni e zii).

Ormai da tempo, il mito della cucina domestica ha cominciato a contrapporsi a quello del “mangiar fuori”, affermatosi mezzo secolo fa come paradigma di emancipazione sociale e gastronomica. Rispetto a quel modello, che poneva il ristorante e la cucina professionale al centro delle attenzioni, il “fatto in casa” si è preso una bella rivincita, riconquistando terreno fino a imporsi come fenomeno di moda, che ha di nuovo rovesciato i paradigmi della valutazione culinaria. Non sono passati molti anni da quando, di fronte a un dolce squisito preparato “con le proprie mani”, ci si potevano aspettare commenti del tipo: “sembra un dolce di pasticceria”. Poi i valori si sono invertiti: sono i biscotti da forno o da pasticceria (nonché quelli prodotti dall’industria) a voler apparire “fatti in casa” per avere maggiori chances di finire sulla nostra tavola. Anche molti ristoratori si sono adeguati, perché, paradossalmente, “fuori” si vanno spesso a cercare i profumi e i sapori di casa. Ciò forse accade perché in casa si cucina meno di un tempo, ma una recente inchiesta del Censis – commissionata dalla Fondazione Casa Artusi di Forlimpopoli – ha portato risultati in parte inattesi, mostrando che la maggior parte degli italiani non solo cucina, ma ama cucinare e spesso lo fa fra le mura domestiche.

Si badi che l’inchiesta è stata fatta prima del diffondersi dell’infausta epidemia che ha bloccato in casa milioni di persone, in qualche modo “costringendole” a recuperare abitudini domestiche come quella di cucinare. Ma, in realtà, a questo gli italiani pensavano già prima: preparare il cibo in casa è un’abitudine inveterata dei nostri connazionali e fu questo il cuore degli interessi di Pellegrino Artusi, padre della cucina italiana moderna, nato giusto 200 anni fa. A mancare, semmai, nei mesi drammatici del coronavirus, è stata la condivisone del cibo con gli amici – una pratica fondamentale della socialità collettiva.

Tutto ciò non esclude che gli italiani, come tutti nel mondo, amino trascorrere anche fuori, in ristoranti e trattorie, momenti felici della loro vita. La ricerca del Censis lo ha mostrato con chiarezza: casa e ristorante non si pongono in alternativa e in competizione, ma, almeno per gli italiani, sono le due facce della stessa medaglia, che rivela lo straordinario attaccamento al cibo come elemento distintivo della propria cultura.

2 Commenti

  1. Massimo Montanari è il “massimo” tra gli studiosi di storia dell’alimentazione. è possibile trovare i suoi libri nei super coop?

    • RISPONDE LA REDAZIONE
      Inserito da Redazione il 12 Giugno, 2020 at 4:49 pm — Rispondi

      Sarà certamente possibile, se non sono esauriti. Ordinali lì o nelle librerie.coop

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui