RUBRICA - Cibo e Cultura

Mangiare è mangiare insieme

«Noi non ci invitiamo l’un l’altro per mangiare e bere semplicemente, ma per mangiare e bere insieme». Questo fa dire Plutarco a un personaggio delle sue “Dispute conviviali”. Mangiare da soli, a distanza, come siamo stati costretti a fare nei lunghi mesi della pandemia, è innaturale. Ecco perché abbiamo sofferto, anche se magari abbiamo mangiato bene.

Mangiare è una necessità. Il cibo è il nostro carburante ed è la fame ad avvertirci: attenzione, il motore è in riserva. Per questo, agli inizi della tragedia da cui stiamo appena uscendo, lunghe file di carrelli assediavano i supermercati. Paura (ingiustificata) di non averne abbastanza.

Ma nell’atto di mangiare si innescano subito altre motivazioni, altre suggestioni. Tanto per cominciare, il piacere. Mangiare dà soddisfazione e gli uomini hanno sempre cercato di farlo bene, inventando l’arte della cucina che più di ogni altra cosa ci distingue dagli altri animali. Poi, si mangia per stare bene. Il rapporto fra cibo e salute è sempre stato al centro della riflessione dietetica, e la stessa dietetica è diventata gastronomia, dettando regole utili al benessere e al piacere (i medici del Medioevo addirittura sostenevano che «ciò che piace fa bene»). Infine, si mangia per comunicare. Il cibo è strumento di relazione per eccellenza. La condivisione del cibo e la ritualità della tavola sono sempre state, in ogni società, il cuore del vivere civile, che anzitutto significa fare le cose insieme: non per nulla Aristotele definì l’uomo “animale sociale”. Il “convivio” (dal latino cum-vivere) si chiama così perché il cibo è la vita, e mangiare insieme è il modo più intenso e significativo di vivere insieme.

In questi mesi abbiamo assistito a nuove curiose esperienze: mangiare a distanza ma insieme, condividendo sul computer o sul cellulare i piatti degli altri e, soprattutto, i loro visi e le loro parole. Nulla più di queste invenzioni, rese possibili dalla tecnologia, ha mostrato che cosa significa mangiare. I “bisogni” non sono solamente nutrizionali. Il piacere è un bisogno. La salute è un bisogno. La relazione con gli altri è un bisogno. Fra i gesti quotidiani, mangiare è in assoluto il più individuale, giacché il cibo entra in me, nel mio corpo. Ma al tempo stesso, paradossalmente, mangiare è il gesto in assoluto più collettivo, più sociale. Termine, quest’ultimo, che in questi mesi è stato usato (secondo me) in modo inappropriato. Si è parlato di “distanziamento sociale”: a uno storico, l’espressione fa venire in mente la cultura dei secoli andati, quando il modo di mangiare, e ogni gesto quotidiano, serviva a ribadire la differenza e, appunto, la distanza fra le classi. Il nostro distanziamento non è stato “sociale”, ma semplicemente fisico. Noi abbiamo continuato a condividere aperitivi, pranzi, cene, spuntini. Proprio come diceva il personaggio di Plutarco: gli uomini non mangiano e non bevono semplicemente per mangiare e bere…

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui