RUBRICA - Italiani brava gente

L’uomo che sussurrava ai rifiuti

Rifiuti parlano. Dicono di noi: che cosa consumiamo, come cuciniamo, quanto sprechiamo e come viviamo. Dicono anche chi siamo. In senso anagrafico: nome e cognome. Basta saperli interrogare. Un grande specialista nell’ascoltare i rifiuti si chiama Dini Giovanelli, ha 61 anni e fa l’assessore all’ambiente nel comune di Castelnuovo Magra, ottomila abitanti in provincia di La Spezia. Giovanelli si è stufato del comportamento poco corretto di quei cittadini che abbandonano i rifiuti accanto ai contenitori della nettezza urbana. A volte semplicemente per pigrizia, per non fare lo sforzo di aprire il cassonetto. A volte per scarso civismo. Così i pezzi di paese intorno ai cassonetti si degradano velocemente. Perchè vedere un rifiuto abbandonato autorizza qualcun altro ad abbandonarne ancora. E dal nulla si forma una mini-discarica. Brutta e puzzolente. “Ormai tutti sanno come si fa la raccolta differenziata, dice l’assessore, quali sono le tipologie di rifiuto da mettere nei cassonetti del multi materiale e di che colore sono i contenitori della carta. Tuttavia sono ancora molti quelli che non la fanno, o che sbagliano cassonetto e, ancor peggio, abbandonano il sacchetto all’esterno dei contenitori. Occorre passare alla seconda fase, quella di far rispettare le regole e punire con sanzioni coloro che le violano”.
La seconda fase è il blitz. L’assessore Giovanelli si è infilato i guanti ed ha cominciato a rovistare tra i sacchetti abbandonati fuori dalle zone e dai contenitori di raccolta. Apertura del sacchetto, svuotamento del medesimo e dettagliato esame del contenuto. L’assessore lavora freddo e determinato come i RIS di Parma. I vigili urbani attendono disposizioni. “Risalire ai responsabili è semplice, dice Giovanelli: nell’ottanta per cento dei casi nei sacchetti ci sono indicazioni utili per risalire a chi li ha gettati via. Un esempio? Le ricevute delle banche, o le riviste che recano l’indirizzo del destinatario e tanti altri indizi utili per la loro identificazione. Ho fatto per tanti anni il portalettere: conosco bene il  territorio e chi vi abita!” aggiunge sorridendo. Ridono un po’ meno gli spargitori di rifiuti individuati tramite l’autopsia dei sacchetti neri: i vigili urbani staccano multe da 50 euro ciascuna. E tra i multati non mancano i recidivi. Con gli introiti delle multe il comune di Castelnuovo Magra non è interessato a far cassa. Perchè si può fare di meglio: “Il ricavato delle sanzioni sarà suddiviso e devoluto, attraverso un bonus, a quei cittadini che si sono impegnati, mediante l’uso delle compostiere domestiche, a raccogliere i rifiuti organici e, quindi, a diminuire il volume della spazzatura. Con una riduzione dei costi di smaltimento per l’amministrazione e la cittadinanza”, dice il sindaco Marzio Favini. L’assessore Giovanelli è pronto ad una lotta senza quartiere: “Il Comune combatte il degrado e la sporcizia perchè non sono un bel biglietto da visita per il  nostro paese”. E promette che metterà le mani nei rifiuti almeno due volte la settimana. 

Massimo Cirri e Filippo Solibello

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui