RUBRICA - Nutrizione e salute

Linee guida, una risorsa utile per tutti

A fine 2019 sono state ufficialmente pubblicate le Linee Guida per una Sana Alimentazione Italiana, realizzate dal Crea con il suo Centro di Ricerca Alimenti e Nutrizione; per l’occasione è stata coinvolta una commissione multidisciplinare di più di 100 esperti riconosciuti a livello nazionale ed internazionale, presieduta dal professor Andrea Ghiselli e coordinata dalla dottoressa Laura Rossi. Questa premessa è rilevante in un settore, quello dell’alimentazione, in cui i singoli individui diventano “Guru” mentre è auspicabile la condivisione delle conoscenze di un ampio numero di esperti che eviti distorsioni dovute ad opinioni o interessi personali.

Un aspetto rilevante per il consumatore è che questa pubblicazione non avrà alcun costo: l’abbiamo già pagata con le nostre tasse e possiamo scaricarla gratuitamente dal sito del Crea cercando “linee guida 2019”. Avremo a disposizione una pubblicazione di oltre 250 pagine in pdf che copre tutti i temi più rilevanti ed attuali della nutrizione oltre che un testo da conservare e consultare quando sorgono dubbi comuni come: “La farina è un veleno bianco? Dobbiamo scegliere gli alimenti in base al loro indice glicemico? Il biologico è preferibile? È corretto moderare l’assunzione di olio di palma?”. Sono state infatti ampliate le parti pratiche del documento, come le “false credenze” e i focus su “come comportarsi”.

Nel caso in cui sorgano domande più specifiche sarà sufficiente digitare l’argomento e con la funzione “trova” in un attimo saremo condotti nella parte di testo dedicata, rendendo veloce anche la consultazione di un documento così voluminoso. Tra gli argomenti più attuali si segnala quello relativo all’obesità, presentata come una malattia cronica, come fatto tempo fa in questa rubrica, e la descrizione di pro e contro delle diete più popolari. Particolare rigore viene suggerito per quanto riguarda il consumo di bevande zuccherate (gasate o meno) ed alcooliche, per queste ultime il titolo del capitolo relativo è inequivocabile: “Bevande alcoliche? Il meno possibile”. Il limite da non superare viene fissato ad 1 unità alcoolica per le donne e 2 per gli uomini; come esempio di unità alcolica viene portato il bicchiere di vino, ed è forse uno dei pochi passaggi su cui vale la pena di soffermarsi.

Il bicchiere di vino viene considerato con una capienza di 125 ml, pari a circa mezzo bicchiere da tavola; dunque, per una donna, bere mezzo bicchiere da tavola di vino in occasione dei 2 pasti principali risulta oltre il limite suggerito. L’ultimo capitolo sulla sostenibilità ambientale della dieta è oggi molto attuale, viene anch’esso trattato con equilibrio, relativizzando approcci rigidi in cui si passa dalla dieta iperproteica a quella vegana sulla base di input che hanno più a che fare con le mode piuttosto che con evidenze scientifiche. Alle volte si è portati a dare scarso peso a quanto possiamo avere gratuitamente, in questo caso lo spessore scientifico dei numerosi autori e l’enorme lavoro di coordinazione e sintesi di un dossier tecnico di oltre 1000 pagine, non credo possa lasciare delusi.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui