RUBRICA - Cibo e Cultura

L’erbazzone perduto

In un libro recente, dedicato alla storia della cucina bolognese, ho osservato che nei ricettari del XV-XVI secolo la specialità con attribuzione bolognese di gran lunga più citata è la “Torta d’herbe alla Bolognese”, variante locale di un piatto tipico della cucina medievale e rinascimentale: la torta salata ripiena.
La cosa potrebbe stupire chi pensa alla cucina petroniana solo in termini di mortadelle e tortellini, ma non stupisce lo storico, che nei testi medievali e rinascimentali, e ancora nel Seicento, trova elogiata l’eccellenza gastronomica di Bologna in una declinazione assai più “mediterranea” di quanto non la percepiamo oggi: verdure (cavoli, cardi, finocchi…) e frutta (uva, fichi, olive…) costituiscono il suo punto di forza, così da giustificare l’espressione “orto di Roma” che fin dal Medioevo ritrae la città come distributrice privilegiata di questi prodotti nello Stato pontificio – e non solo, vista l’ampiezza di questa fama.

La prima “torta bolognese” di cui abbiamo la ricetta è nel testo di Maestro Martino, il cuoco di maggior reputazione nell’Italia del Quattrocento. La sostanza è di bietole, uova e formaggio grattugiato, i profumi sono di prezzemolo e maggiorana, pepe e zafferano. Uovo e zafferano vanno anche spalmati all’esterno, per rendere la torta “più bella” con il colore giallo, simbolo di gioia e immagine dell’oro, che tanto piaceva agli uomini e alle donne del tempo. La ricetta di Martino è riproposta dall’umanista Platina, mentre Bartolomeo Sacchi, il cuoco di punta del Rinascimento italiano, in servizio alla corte papale dopo aver lavorato a Milano, a Venezia e a Bologna, nel suo monumentale ricettario (1570) preferisce virare sul verde: “torta verde” la chiama, o “torta d’herbe”, sempre “alla bolognese”. Ingredienti principali restano le bietole e il formaggio, ma scompaiono le uova. In aggiunta al pepe Scappi consiglia la cannella, onnipresente nella cucina rinascimentale. Come grasso di cottura prescrive il burro (Martino invece lasciava scegliere fra burro e strutto). Come Martino, raccomanda di tenere la torta molto bassa: “a pena sarà alta mezzo dito”. Si servirà bella calda, con una spolverata di zucchero – la contaminazione fra dolce e salato è un carattere tipico del gusto rinascimentale, almeno nell’alta cucina dato il costo proibitivo dello zucchero.

Questa specialità era diffusa anche nelle campagne: il contadino raffigurato da Annibale Carracci in un famosissimo dipinto, noto come “il mangiafagioli”, ha davanti a sé proprio quel piatto, che immagineremo nella sua versione più semplice ed economica, senza spezie, senza zucchero e con lo strutto al posto del burro. In un modo o nell’altro, essa sarà riconosciuta per secoli come elemento distintivo della gastronomia locale: la “torta di bieta alla bolognese” è uno dei pochi riferimenti autoctoni nelle liste di vivande di Vincenzo Tanara, agronomo bolognese di metà Seicento. Oggi, chi la ricorda più? Nessuno – almeno a Bologna…

1 Commento

  1. Il titolo di questo articolo è fuorviante, poiché in nessuna riga dell’articolo si parla di “erbazzone”, bensì di ““Torta d’herbe alla Bolognese”, che è una cosa assai diversa: uova, prezzemolo, zafferano, cannella, burro nulla hanno a che vedere con il vero erbazzone, che tutti sanno (o dovrebbero sapere) essere un piatto tipicamente reggiano.
    Ostinatevi pure a chiamare il formaggio solo “Parmigiano”, pensate pure che solo a Modena producano l’aceto balsamico tradizionale o identificate il lambrusco con Sorbara, ma non toccate l’erbazzone.
    Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui