RUBRICA - Web&Social

Le nostre vite online in un mondo già cambiato

Sostengo da anni che il digitale non è una dimensione distinta dalla realtà “fisica”, ma piuttosto una sua estensione, un ambito in cui, ciascuno coi suoi tempi e secondo le proprie inclinazioni, abbiamo iniziato a vivere relazioni, lavoro, passioni, conoscenza. I modi e gli strumenti possono essere diversi da quelli dell’era analogica, ma il nostro comportamento continua a essere guidato da istanze e bisogni profondamente umani e sostanzialmente immutati.

Oggi che il lockdown imposto dall’emergenza Covid-19 ha limitato drasticamente le nostre possibilità di movimento, riducendo e imponendo regole strette alle attività svolte in presenza e anche impedendo totalmente molte cose che davamo per scontate – incontrare amici e parenti, uscire per una passeggiata o una corsa, andare in vacanza – gran parte della nostra vita di relazione, consumo e lavoro si è spostata online.

Questo ha fatto emergere impietosamente il divario fra chi era già a suo agio con questa dimensione, perché allenato da anni di uso degli strumenti digitali, e chi invece aveva rimandato a lungo certe scelte, convinto che non fossero poi così indispensabili: il digital divide brucia, e recuperarlo in fretta non è semplice.

Pensiamo alla didattica online: per seguire le videolezioni e fare i compiti assegnati via app o su un’area di lavoro condivisa servirebbe un personal computer o almeno un tablet per ogni studente, con una buona connessione a Internet, cioè Adsl o meglio ancora fibra: in quante famiglie si possono permettere questa spesa? Quanti genitori sono abbastanza a loro agio con gli strumenti digitali per aiutare i propri figli piccoli a scaricare e usare una app o inviare documenti agli insegnanti?

Ovviamente laddove ci sono le condizioni economiche per farlo, ma è arrivato il momento di riconsiderare le priorità del budget familiare e l’organizzazione degli spazi, attrezzandoci per potere anche lavorare a distanza quando necessario. E ancor di più,  tutti dobbiamo curare e migliorare le nostre competenze digitali, che comprendono aspetti diversi:

capire come funzionano le tecnologie vecchie e nuove e le loro implicazioni;

• curare la sicurezza digitale, imparando a gestire le password, difendere computer e smartphone da intrusioni e virus, identificare link e contatti “a rischio”;

• imparare a gestire meglio la qualità delle relazioni anche quando queste sono mediate dalla tecnologia, allenando l’empatia anche nelle conversazioni a distanza e imparando a discutere civilmente nelle chat e sui social;

• gestire in modo consapevole la nostra “impronta digitale” e la nostra privacy: i messaggi che scriviamo, i selfie e i video che mandiamo agli amici, le videoconferenze registrate, sono tracce permanenti che possono condizionare la nostra reputazione;

• saper gestire e limitare il tempo che passiamo davanti a uno schermo, riducendo la continua frammentazione dell’attenzione dovuta alle notifiche e imparando a staccare quando serve.

Ma tutto questo non può, non deve ricadere solo sui singoli: è l’intera società che deve ripensare le priorità di investimento e le forme di organizzazione, dando ai singoli gli strumenti economici e culturali per non restare indietro e facendo in modo che l’esigenza di sicurezza non generi isolamento e sorveglianza di massa.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui