RUBRICA - Nutrizione e salute

Le fake news sull’alimentazione

Di recente ho notato che una importante azienda italiana ha smesso di produrre crackers con beta-glucani. Un vero peccato, perché queste fibre aiutano i miei pazienti, insieme ad altri accorgimenti, a tenere sotto controllo il colesterolo.

Mi sono venuti in mente altri prodotti con profili nutrizionali interessanti o innovativi, di aziende differenti ma accomunati da un destino simile: lo scarso successo di mercato ne ha decretato la scomparsa. Un biscotto integrale che aveva quasi il doppio delle fibre dei suoi “fratelli”, di una nota linea di biscotti ai cereali; oppure, uno yogurt bianco, senza zuccheri aggiunti, con un gusto meno acido ed un packaging che ne consentiva l’utilizzo anche come merenda “portatile”; oppure uno snack monodose di crostini con farina di legumi. Prodotti di aziende molto note nel nostro mercato, che non sono quindi delle nicchie ma un fenomeno che vale la pena osservare, perché chi ha decretato la fine di questi prodotti siamo stati noi, consumatori, lasciandoli sugli scaffali.

Le informazioni nell’era digitale si trovano sul web e nei social, si diffondono velocemente attraverso reti di conoscenze ed “influencer”, possono essere sedimentate dalla lettura di libri di sedicenti esperti, creando poi fenomeni simili alle mode anche nell’alimentazione. Ed allora, ad esempio, vediamo dati di vendita entusiasmanti per prodotti senza lattosio, senza glutine, per gallette di riso o per alimenti adatti a diete vegetariane o vegane. Prodotti a cui il consumatore, frequentemente, attribuisce virtù salutistiche maggiori rispetto a quello che poi è nel concreto il profilo nutrizionale del prodotto. Dunque, le imprese saranno sempre meno motivate ad investire in ricerca e sviluppo per prodotti che rischiano di essere un fallimento, ed asseconderanno le mode del momento. Tuttavia, così facendo faremo un passo indietro rispetto a quanto si è visto negli ultimi 30 anni, quando molte aziende, ed in particolar modo quelle italiane, hanno realizzato diversi, concreti miglioramenti nei profili nutrizionali dei propri prodotti.
La via d’uscita è culturale, tuttavia il fatto di lasciare sugli scaffali prodotti validi a favore di quelli alla moda non è opera di sprovveduti, ma di persone che vogliono informarsi, usando tuttavia strumenti inappropriati che espongono alle cosiddette fake news (fenomeno così diffuso che sia l’Istituto Superiore di Sanità che la Federazione degli Ordini dei Medici hanno attuato progetti di contrasto). Quando poi si è all’interno di un certo flusso di informazioni è molto difficile accorgersene: il web ed i social ci fanno trovare ciò che desideriamo, rendendo improbabile leggere qualcosa di diverso da ciò di cui siamo già convinti.

Nell’era digitale abbiamo accesso libero e gratuito a molte più informazioni e, mentre la quantità è ridondante, la vera sfida si giocherà sulla qualità: difficile da individuare e da percepire, ma cruciale nell’influenzare temi importanti riguardanti la nostra salute, tra cui anche l’alimentazione.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui