RUBRICA - Italiani brava gente

Le donne e “Stiro amico”

Mettere insieme famiglia e lavoro, lo sanno molto bene le donne, è impresa logorante. Vita familiare e tempi di lavoro non sembrano fatti per stare insieme: come orari, incastri, compatibilità. A tenerli uniti è la fatica delle donne, il loro saper costruire ingegnose macchine sociali che comprimono il tempo, connettono attività diverse, rimbalzano in acrobazia su nonne, asili nido e baby sitters. Per la capacità delle donne di stare dietro a sette cose contemporaneamente, mentre noi maschi siamo in affanno a farne due. E una è respirare.
Le aziende poi sembrano metterci del loro a complicare la questione, per fortuna con qualche eccezione. Per questo la Regione Lombardia e l’Università Cattolica di Milano premiano da tre anni aziende, pubbliche amministrazioni e organizzazioni non-profit che hanno ideato e messo in pratica progetti che conciliano vita familiare e tempi di lavoro.
È il Premio FamigliaLavoro e quest’anno lo ha vinto una imprenditrice di Lodi. Si chiama Anna Josè Buttafava, proprietaria di tre negozi di parrucchiere. Ha cominciato nel 1978 con una dipendente e oggi ne ha 28. Due sono maschi, ventisei donne, il 30% è mamma e altre due lo diventeranno nei prossimi mesi. La signora Anna tiene molto alla formazione del personale e ci ha sempre investito tempo e risorse. Anche se questo significa aiutare la crescita di possibili futuri concorrenti, le dipendenti che si mettono in proprio. “A livello nazionale l’80% dei collaboratori non arriva a superare i cinque anni di permanenza in un salone, dice, ma da noi la media si abbassa al 30%”.
Per l’attenzione che la signora Anna ha sempre avuto nel riconoscere i bisogni di chi lavora per lei. Così le lavoratrici sono più legate all’impresa, che ci guadagna in efficienza e produttività. La signora Anna non ci ha messo molto a capire quale sia uno degli incubi peggiori per le sue dipendenti, soprattutto quelle che hanno figli: tornare a casa dopo una giornata di lavoro e sapere che lì, insieme ai tuoi cari, ti aspetta anche il mucchio dei panni da stirare. L’orrendo mucchio. Una prospettiva che pesa sull’umore e fa anche lavorare peggio.
Così due anni fa progetta Stiro Amico e lo propone al Dipartimento Famiglia del consiglio dei Ministri. Perché c’è una legge, la n. 53 del 2000, che finanzia le aziende ad innovare la logorante convivenza tra tempi di vita e tempi di lavoro. Il progetto viene approvato e la signora Anna lancia una gara d’appalto tra le stirerie vicine ai suoi saloni. Sceglie la migliore e dal settembre 2009 le serate delle sue dipendenti un po’ cambiano: non devono più passarle con il ferro da stiro in mano perché hanno a disposizione tre ore alla settimana di stireria. Gratuitamente. ”Sollevare da questo impegno domestico le mamme lavoratrici ha creato più serenità in salone, un maggior interesse per il lavoro ed è diminuito l’assenteismo”. Il lavoro della parrucchiera costringe a stare molte ore in piedi, come quando si stira: agevolandone uno si migliora anche l’altro. È una riflessione semplice. La poteva fare solo una donna.

Massimo Cirri e Filippo Solibello

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui