RUBRICA - Cibo e Cultura

L’amaro in bocca

Torna a novembre il Baccanale di Imola, dedicato quest’anno a un tema insolito, perfino difficile a pensarlo in prospettiva gastronomica: l’amaro. Una vera sfida. Perché quel termine siamo soliti usarlo, in metafora, per sentimenti e situazioni poco liete: tristezza, sconforto, delusione… In effetti l’amaro che sentiamo in bocca può suscitare disgusto – e si tratta di un avvertimento: attenzione a quello che stai mangiando, il sapore sgradevole significa che qualcosa non va. La lingua avverte il cervello, che attiva il principio di precauzione. L’amaro è utile, serve a riconoscere un pericolo. Ma il fatto è che le varietà di amaro sono centinaia, tutte diverse. I recettori della lingua e del palato a poco a poco si allenano, imparano a distinguere l’amaro pericoloso da quello innocuo, l’amaro cattivo da quello buono. Per questo ci vuole tempo, ed esperienza, e giustamente si ripete che il gusto dell’amaro appartiene all’età matura. Ma conosco bambini che non disdegnano i radicchi. I radicchi, la scarola, il carciofo, il cardo, la cicoria… La storia del gusto sarebbe decisamente più povera senza l’amaro, e la quantità di prodotti caratterizzati da quel sapore è decisamente più ampia di quanto non penseremmo a prima vista.

Il gradimento dell’amaro è individuale, ma anche collettivo – nel senso che esistono, nelle diverse culture gastronomiche, vari gradi di apprezzamento per questo sapore. In una virtuale tabella di comparazione, credo che l’Italia sarebbe ai primi posti. Forse al primo. Molti osservatori l’hanno notato, dal Medioevo a oggi: agli italiani l’amaro piace molto. E poiché agli italiani piace molto anche il dolce (non casualmente, giacché i due sapori si valorizzano a vicenda), non sorprende che proprio in Italia si sia affermata una tradizione come quella dei liquori alle erbe, di gusto tipicamente dolce-amaro: ogni regione, ogni città ha la sua ricetta. Qui prevale il mirto, là il prugnolo selvatico, qui il sorbo, là il mallo di noce… e ancora l’amarena, la genziana, l’assenzio, il rabarbaro, la china, una quantità di varianti unite nel sapore amaro. Anche le preparazioni a base di agrumi, come il limoncello, hanno un tipico retrogusto amaro. E poi ci sono gli amaretti, col loro gusto di mandorle amare. E il caffè, che gli intenditori preferiscono amaro. E il cacao, che entra in alcune ricette come ingrediente naturalmente amaro.

Non è un gusto facile, certo, ma faremmo torto alla natura se lo pensassimo solo in termini negativi. “Dolce e amaro” non sono il buono e il cattivo. La storia della cucina insegna che tenerli insieme è la soluzione giusta. E il proverbio raccomanda: “Cose amare, tienile care”. Il senso è morale, vuol dire che le difficoltà aiutano a crescere. Ma a me piace leggerlo anche in senso gastronomico.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui