RUBRICA - Terra, uomini e clima

La nuova etichetta dell’energia

L’Unione Europea dal primo marzo 2021 ha rinnovato l’etichetta energetica per alcuni elettrodomestici. Obbligatoria dal 1998, concepita con una scala di colori e lettere (dal verde con “A” per la classe più efficiente al rosso con “G” per la meno efficiente), nel tempo aveva dovuto essere aggiornata in relazione alle prestazioni sempre migliori dei nuovi apparecchi aggiungendo le classi A+, A++ e A+++ che l’avevano resa meno comprensibile al pubblico. Ora si ritorna alla formulazione originaria, spariscono i “più” e rimangono sette classi da A a G, ovviamente con valori di riferimento aggiornati: in sostanza se volete consumare poca energia, spendendo meno in bolletta e riducendo l’impatto ambientale, scegliete classi verdi “A” o non inferiori a “B”.
Il dato più importante che compare sotto la scala di colori è il consumo specifico in chilowattora (kWh) all’anno per i frigoriferi, oppure chilowattora per 100 cicli nel caso di lavatrici, asciugatrici e lavastoviglie o per mille ore di uso quando si tratti di lampadine o schermi Tv. Ma cerchiamo di capire meglio cos’è un chilowattora (kWh), unità di misura tanto diffusa quanto confusa: si tratta dell’energia consumata da un apparecchio, quella che paghiamo in bolletta elettrica a circa 22 centesimi di euro cadauno, inclusi i costi fissi del contratto. Facciamo un esempio pratico: se ho un forno di potenza di 1 kilowatt (1 kW, cioè 1000 watt, visto che la lettera kappa minuscola davanti a una misura la moltiplica per mille) e lo faccio funzionare per un’ora, avrò consumato 1 kWh ovvero 1000 wattora (Wh). Se l’avrò fatto funzionare per mezz’ora il consumo sarà stato 0,5 kWh o 500 Wh, pari a circa 11 centesimi di euro, se avrà funzionato per 2 ore avremo consumato 2 kWh. Quindi il kW misura la potenza dell’apparecchio mentre il kWh misura l’energia consumata nel tempo di effettiva accensione.
Attualmente sulla rete elettrica italiana un kWh di elettricità per essere prodotto ha generato in media l’emissione di 298 grammi di CO2, quindi il nostro forno da 1 kW in azione per un’ora avrà comportato l’emissione di circa 300 grammi di gas a effetto serra. Ecco perché vale la pena scegliere elettrodomestici di classi energetiche efficienti anche se talora costano un po’ di più, si risparmia dopo!
La nuova etichetta energetica europea riporta anche altri dati come rumorosità, volume totale dei frigoriferi, consumo di acqua per ciclo di lavaggio e sua durata minima, e altre informazioni reperibili attraverso un QR code leggibile da smartphone. Oltre alla nuova etichettatura energetica, il primo marzo 2021 sono entrati in vigore anche i nuovi regolamenti sulla progettazione ecocompatibile: fabbricanti e importatori saranno ora obbligati a mettere a disposizione dei riparatori professionisti i pezzi di ricambio essenziali per almeno 7-10 anni dall’immissione sul mercato dell’ultima unità di un modello.
L’etichetta energetica aumenta dunque la nostra consapevolezza ecologica, ma perché lasciare sempre l’onere della scelta al consumatore finale? Se un apparecchio si colloca in una scadente classificazione energetica, non basterebbe semplicemente vietarne la commercializzazione?

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui