RUBRICA - Terra, uomini e clima

La lunga estate calda del 2022

Prima dell’estate 2003 il caldo in Italia era soltanto un ingrediente per le vacanze: un paio di settimane tra fine luglio e inizio agosto con termometro sui 35 gradi sulle spiagge e poi a Ferragosto arrivavano i temporali forieri d’autunno e tutto era finito. Al meridione d’Italia c’era qualche grado in più, come vuole l’estate mediterranea, ma nessuna criticità.

Poi è arrivato l’anticiclone africano del 2003, tre mesi di caldo tropicale. Per la prima volta nella storia meteorologica italiana, si toccarono i 40 gradi nelle città del nord: a Torino, Milano, Bologna, e pure a Parigi. La popolazione non era preparata e soprattutto le fasce deboli – anziani e malati – subirono il letale colpo di calore. A fine stagione in Europa occidentale il bilancio fu di ben 70 mila vittime. Da allora le estati africane sono diventate la norma: a Forlì si sono registrati 43 gradi nell’agosto 2017, a Siracusa si è sbaragliato il record di caldo nazionale ed europeo l’11 agosto 2021 con 48,8 gradi. E il riscaldamento globale in atto non farà che aumentare frequenza e intensità di queste ondate di calore, rendendo i condizionatori d’aria indispensabili laddove vent’anni fa erano solo un capriccio.

I servizi meteorologici europei hanno così iniziato a diramare l’allerta caldo, corredata di consigli che sembrano banali ma possono salvare la vita. Quando la temperatura dell’aria supera i 37 gradi, il corpo umano deve assolutamente raffreddarsi e lo fa sudando. Quindi prima regola, bisogna bere molto. Gli anziani, soprattutto se soli, non percepiscono lo stimolo della sete e diventano vittime silenziose della disidratazione. Bisogna dunque bere a intervalli regolari, sforzandosi di assumere almeno un paio di litri al giorno di acqua. Nelle città, asfalto e cemento fanno salire la temperatura più che nelle aree rurali e la trattengono tra le pareti di casa anche di notte, disturbando il sonno.

Se il caldo non dà tregua per molti giorni bisogna compensare lo stress termico: per chi non può spostarsi al fresco, si consiglia di passare qualche ora in un centro commerciale raffrescato durante le ore più calde della giornata, quelle nelle quali è pure sconsigliato fare attività fisica pesante ed esporsi al sole. Installare un condizionatore in casa solo se si dispone di un buon isolamento termico, altrimenti le bollette elettriche diventeranno insostenibili, a meno di avere un impianto fotovoltaico per alimentarlo. Un ventilatore consuma molto meno e può dare sollievo. Applicare tende da sole all’esterno delle finestre, arieggiare di notte, anche se i rumori del traffico sono più fastidiosi del caldo. Chiamare subito i soccorsi se si avverte spossatezza, confusione mentale, nausea. Mettere sulla fronte impacchi freddi e immergere mani e piedi in acqua fresca.

Tra i 25 e 30 gradi il caldo è molto gradevole, tra i 30 e 36 gradi, specie se l’umidità dell’aria è alta, comincia a diventare fastidioso, oltre i 40 gradi può trasformarsi in pericolo mortale. L’estate 2022 si annuncia molto calda, anche se le previsioni oltre i dieci giorni perdono di affidabilità e quindi si tratta di stime da prendere con cautela.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui