RUBRICA - Alfabeto Alimentare

La dieta “ingrassante”

Mi è capitato fra le mani un ricettario di parecchi anni fa, firmato da Vera Rossi Lodomez, autrice nel 1950 del celebre “Cucchiaio d’argento”. Tre anni dopo cura per l’Agipgas, che ne fa dono “alla massaia italiana”, un libretto più agile intitolato “Far presto. Ricettario casalingo della buona cucina”. Prima di passare alle ricette il manuale dedica due capitoli, rispettivamente, a “come si dimagrisce” e a “come ingrassare”. Mi ha colpito quest’ultimo, perché difficilmente troveremmo un argomento del genere in un libro di cucina dei nostri giorni. Evidentemente, nel 1953 la situazione sociale e culturale del nostro paese era assai diversa. La guerra (speriamo l’ultima) era alle spalle da diversi anni. La ricostruzione era in atto, ma il boom economico non era ancora esploso. La paura di ingrassare – tipica dell’età del benessere – non aveva ancora monopolizzato il discorso sul cibo. Ecco dunque la nostra Vera dilungarsi sulle strategie per combattere non il peso, ma la sua mancanza. Non si occuperà – precisa subito – della magrezza derivante da qualche disfunzione ghiandolare, ma solo “del dimagramento che chiameremo normale”, avvenuto “in seguito a una malattia o a un esaurimento nervoso”.

Premessa: “per quanto possa apparire strano, è assai più difficile ingrassare che dimagrare” . Il mezzo più efficace sarà quello di adottare un regime alimentare “ingrassante”, che abbondi sulle qualità di cibo che si devono invece scartare quando si vuole ottenere lo scopo contrario. Dunque dare la preferenza al pane, alla pasta, ai farinacei, ai dolci, che “appariranno frequentemente sulla tavola del troppo magro”. A lui si consiglia di “bere mangiando”, secondo l’idea che bere durante il pasto aiuti una più completa assimilazione del cibo. “Nei casi di dimagramento più marcato”, oltre al pranzo e alla cena sono consigliati due pasti supplementari, “lo spuntino delle dieci e la merenda delle cinque”. Magari anche “un ultimo spuntino prima di andare a letto”.

Chi ha appetito dovrebbe risolvere il problema in tempi rapidi.  Un problema può invece essere l’inappetenza: in questo caso si consigliano “pasti più leggeri, ma frequenti: poca quantità di cibo, ma spesso”. Dedicando particolare cura alla colazione del mattino, quando “anche chi ha poco appetito sente spesso il desiderio di mangiare”. Dunque attenzione a preparare “una prima colazione nutriente e varia”, sul modello “anglosassone”. Latte o cioccolata, pane arrostito con burro e marmellata o miele, un uovo alla coque (o “preparato all’inglese, nel tegamino con la pancetta”), una fetta di prosciutto, un pezzo di formaggio, una fetta di torta… variando spesso “perché la varietà dei cibi stuzzica l’appetito”. E ricordare sempre, durante la giornata, che “per integrare una dieta ingrassante, non v’è nulla di meglio del latte”. Anche la birra, se piace, “sarà di grande aiuto”. Infine, è ottima regola stendersi immediatamente dopo i pasti per una siesta di un quarto d’ora, meglio se di venti minuti”. I tempi cambiano…

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui