RUBRICA - Italiani brava gente

Il vero Capodanno? L’inizio dell’anno scolastico

E’ settembre il vero Capodanno, mica il 1° gennaio. Lui, il  Vecchio Capodanno, ce lo teniamo un po’ per tradizione e un po’ perché se Giuseppe Conte lo abolisse ufficialmente con un bel Dpcm andrebbe giù di testa. È uno capace di gesti inconsulti, il Vecchio Capodanno, perché sa di perdere potere. Pur di andare nei titoli dei TG cercherebbe di strangolarsi da solo con una corda di mutande rosse sottratte alla notte di San Silvestro, spacciandosi per vittima di un complotto di Bill Gates.

Che – fateci caso – è un vecchio con la faccia da bambino e vuole dominare il mondo, imponendo il suo sistema operativo e il 5G. Ma sarebbe solo un gesto disperato per attirare l’attenzione. Il Vecchio Capodanno sa che il suo tempo è segnato: è a settembre che tutto si rimette in moto. A settembre riaprono le aziende, a settembre ci si iscrive in palestra – ci si andrà fino a primi di ottobre, poi basta – a settembre ricominciano le scuole. E la scuola segna il tempo delle famiglie, degli ingorghi nel traffico con la mamma che scatta al semaforo come la Ferrari non sa più fare in Formula 1 e scandisce la vita dei nonni. Devono star pronti all’uscita della scuola per trasferire in tempo da record il nipote in palestra per judo e poi – veloci, dai – al corso di giocoleria acrobatica.

Quando ricomincia la scuola ricomincia la vita di tutti. E quest’anno è una ripartenza ancora più forte. Un po’ perché la ministra Azzolina ha stabilito una data uguale per tutta Italia, lunedì 14. Un giorno unico, mentre prima, con i calendari regionali c’era chi era già sui banchi alle prese con la terza Guerra punica mentre altri stavano ancora scavando tunnel nella sabbia sotto l’ombrellone. Un’ingiustizia. E tanti figli supplicavano i padri: «Prendiamo la residenza in Puglia, dai, per favore, cosa ti costa, ché lì tornano a scuola a metà novembre».

E questo del settembre 2020 è un reinizio importante perché con l’emergenza virus le scuole hanno chiuso talmente tanto tempo fa che in giro per l’Italia ci sono bambini davvero convinti che alzarsi presto al mattino, fare colazione di corsa, lavarsi i denti mentre la mamma urla «Su veloci, che siamo in ritardo» e poi mettersi il giubbotto e uscire al freddo, sia solo il ricordo sbiadito di un brutto sogno fatto una sera in cui si erano mangiate troppe frittelle di pollo fritto. Perché dai primi giorni di marzo – per i bambini un tempo eterno – la scuola è stata un tranquillo risveglio alle 9,27, un veloce cambio dal pigiama alla maglietta – ma solo la parte di sopra – due passi dal letto alla scrivania della cameretta e alle 9,30 si era davanti al computer e: «Buongiorno maestra». Pronti per la didattica a distanza, che non ti permetteva di tirare palline di carta nel collo del compagno seduto davanti ma ha avuto i suoi vantaggi. Per la colazione bastava tenere il ciotolone con latte e biscotti fuori dall’inquadratura della webcam. E poi, anche se la maestra se ne accorgeva e ti tirava un cazziatone, bastava rispondere parlando a scatti: «Maestr… non la sent… poca banda… colp… mia sorell… Sta  caricand… vide… su Tik Tok».

Adesso si ricomincia: tutti in classe con prudenza, emozione e distanza. Ma con una buona cerbottana quello davanti lo puoi beccare sul collo sempre. Buona scuola e buon anno.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui