RUBRICA - Web&Social

Il lavoro è cambiato e cambierà ancora

La pandemia del coronavirus ha avuto un effetto dirompente sulle organizzazioni, accelerando la velocità della digitalizzazione e rendendo improvvisamente obbligatorie scelte che prima sembravano impossibili: così finalmente molte aziende hanno rotto il tabù del lavoro a distanza, che durante il lockdown è stato l’unico modo possibile per far funzionare gli uffici e dare continuità ai servizi.

E il remote working è una di quelle cose che probabilmente ci porteremo dietro anche più a lungo del distanziamento fisico e delle mascherine, perché – soprattutto quando è possibile alternarlo a momenti di lavoro in presenza e non si è obbligati a fare in contemporanea anche l’home schooling dei figli –  significa risparmiare spostamenti inutili, quindi tempo e costi economici e ambientali.

Ma il telelavoro comporta un cambiamento organizzativo importante, che per molte aziende è avvenuto a ritmi forzati ma proprio per questo va ripensato e consolidato perché tutto funzioni meglio. Bisogna ridefinire scopi e modi del controllo: lavorare a distanza significa dare valore al lavoro che viene svolto più che al tempo che si passa in ufficio; questo implica fiducia da parte dell’azienda e condivisione degli obiettivi e impegno da parte dei lavoratori.

Coinvolgimento e responsabilità sono cruciali anche in termini di sicurezza: accedere ai dati e alla rete aziendale dal computer di casa o, viceversa, usare il portatile aziendale per scopi personali, sono situazioni potenzialmente a rischio, che offrono ai cybercriminali delle occasioni per violare i sistemi e fare danni.

Se l’azienda non fornisce (ancora) un computer da usare in remoto e si deve condividere quello di casa coi familiari, occorre almeno differenziare gli utenti e i relativi permessi e tenere aggiornati sistema operativo, antivirus e software. Bisogna anche che tutti seguano le norme di sicurezza elementari: buona gestione delle password, pensare molto bene prima di cliccare su un link, non scaricare software pirata; può essere l’occasione per imparare insieme migliorando le competenze digitali di tutti.

Bisogna anche evitare che il lavoro dilaghi e occupi troppa parte delle nostre giornate: lavorare in remoto non vuol dire necessariamente essere reperibili a qualunque ora 7 giorni su 7, le pause sono un diritto e, anche in termini puramente utilitaristici, ci consentono di ricaricare le batterie ed evitare il burn-out.

Sicurezza informatica in casa Un’infografica piena di consigli sulle misure da prendere per aumentare la sicurezza informatica fra le mura domestiche; la pagina è in inglese, ma scorrendo si può scaricare anche il PDF della versione italiana.

Lezioni di management dalla pandemia Cosa ci insegna l’emergenza Coronavirus sul nostro modo di prendere decisioni? Come gestire il cambiamento e lo stress? Le considerazioni della scuola di management del Massachusetts Institute of Technology riprese e commentate da Dino Amenduni.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui