RUBRICA - Cibo e Cultura

Il cibo esige sempre rispetto

Come cambia il nostro rapporto col cibo nei mesi di domiciliazione forzata? Soprattutto in una direzione, mi sembra: lo rispettiamo di più.

Che il cibo sia essenziale per vivere, l’unica cosa di cui non possiamo fare a meno, è ovvio e tutti lo sappiamo. Ma solo nei momenti difficili questa verità assume un’evidenza assoluta, una carica emotiva che ci fa avvicinare al cibo in modo diverso. Fare la spesa (o, per chi può permetterselo, raccogliere qualcosa nell’orto), cucinare, mangiare diventano improvvisamente le azioni centrali del vivere quotidiano. Altre cose rimangono essenziali, ma neppure l’antico adagio “basta la salute” funziona più. La salute è al centro di ogni attenzione, ma il cibo viene ancora prima perché senza cibo non c’è vita, letteralmente. In questa prospettiva perfino le pietose scene di accaparramento a cui ci è capitato di assistere assumono un senso, anche se patologico. E non parliamo di quanti faticano ad arrivarci, al cibo, o dipendono dalla generosità altrui. Ma soprattutto penso alla normalità quotidiana dei più. Quelli che, più semplicemente, in questi giorni guardano al cibo in modo diverso perché lo sentono più vicino, amico, vitale. Il rapporto si fa più stretto, la relazione si stringe. Non c’è più indifferenza o distanza, si calcola con maggior attenzione quanto ne serve, per quanti giorni. Come utilizzarlo al meglio, sprecando il meno possibile. Valori che circolano da anni nei nostri pensieri e nei nostri discorsi – azzerare gli sprechi, recuperare gli avanzi dandogli nuova vita – assumono una corposità che non avevano. Forme di rispetto, le chiamavo.

Rispetto è anche dare la parola al cibo, farlo parlare, porsi davanti a lui in modalità interattiva. Mangiare è sempre un gesto di relazione, è l’incontro fra un soggetto mangiante e un soggetto mangiabile. Ma troppo spesso il primo soggetto appare indifferente alla personalità del secondo. Il soggetto mangiabile (la carota, il formaggio, la coscia di pollo, il maccherone) è disponibile a tante avventure a seconda del contesto in cui lo metti, del modo in cui lo usi e lo accompagni.

Tutto ciò lo chiamiamo “cucina” e siamo tentati di pensarlo come frutto esclusivo della volontà del mangiante: sono io a decidere come, quanto, dove. Ma è anche il soggetto mangiabile a indicare la strada, a esigere trattamenti, a reclamare compagnie non casuali: perché l’arrosto chiama il rosmarino, perché i tortelli al burro chiamano la salvia? Abitudine culturale, certo; ma anche innata propensione. Ecco, io credo che ascoltare le ragioni del soggetto mangiabile dia senso e completezza alla dimensione relazionale del gesto, frutto di una collaborazione fra mangiante e mangiato. Anche questo mi piace chiamarlo rispetto. Se dall’incubo che stiamo vivendo usciremo con un tasso maggiore di rispetto per il cibo, l’esperienza non sarà stata inutile.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui