RUBRICA - Cibo e Cultura

“Fatto in casa” è meglio. In cucina si torna alle origini

Il pane? Lo facciamo noi. La pasta? Fatta in casa. La birra? Artigianale. Le marmellate? Le verdure dell’orto? Tutta roba nostra. 

Ormai, fatto in casaè sinonimo di qualità e di bontà. Il collegamento non sarebbe, a dire il vero, così automatico. Ogni volta che sento dire “fatto in casa” mi verrebbe da chiedere: “in casa di chi?” o “fatto da chi?” o “fatto come?”. Ricordate il famoso “vino del contadino”, che oggi nessuno vuole più? Ma queste sono domande accademiche. Ciò che appare innegabile è la carica positiva, vincente, che l’idea del “fatto in casa” inevitabilmente oggi possiede. Tant’è che le stesse industrie alimentari tentano, con qualche sforzo, di accaparrarsi l’idea e rivenderla sul mercato, giocando su immagini che chiamano in causa la nonna, la zia o altre improbabili garanti di serietà, tradizione, tipicità. Chiediamoci che cosa significhi tutto ciò, sul piano culturale. Direi soprattutto tre cose. 

Primo. Il mito della cucina domestica si contrappone a quello, per decenni vincente, del “mangiare fuori” come paradigma di emancipazione. Rispetto all’affermarsi di questo modello, che in Italia vanta una solida tradizione (il padre della cucina italiana moderna, Pellegrino Artusi, propone la cucina di casa come modello ideale di ristorazione), anche i ristoratori devono adeguarsi: “mangiare fuori” piace sempre, ma, paradossalmente, “fuori” si cerca la casa (anche perché, magari, in casa si cucina meno di un tempo). 

Secondo. Una crescente domanda di diversità, quasi un contrappasso rispetto all’omologazione indotta dai processi di produzione industriali. La reazione a questa tendenza è stata, negli ultimi decenni, una crescita esponenziale di attenzione alle differenze locali, percepite come elemento-base della cultura gastronomica. E la cucina domestica (il “fatto in casa”) è il regno per eccellenza della diversità. 

Terzo. Un’esigenza sempre più forte di conoscenza, di riappropriazione dei saperi che le ultime generazioni avevano in gran parte affidato all’industria alimentare. L’idea della “filiera corta”, che consente di controllare più da vicino i prodotti, i modi di trasformazione e di preparazione, si è fatta strada in modo fortissimo negli ultimi anni e condiziona un nuovo modo di pensare il rapporto col cibo, fatto di consapevolezza e di responsabilità.

Per questi motivi, il “fatto in casa” ha oggi assunto una tale centralità nel “pensiero” alimentare, imponendosi anche come fenomeno di moda, che ha rovesciato i paradigmi di valutazione del cibo. Non sono passati molti anni da quando, di fronte a un bellissimo dolce preparato “con le proprie mani”, ci si poteva aspettare un commento del tipo: “sembra quasi un dolce di pasticceria”. Oggi, i valori si sono invertiti. Sono i biscotti da forno o da pasticceria a voler apparire “fatti in casa”, per avere qualche chance in più di finire sulla nostra tavola.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui