RUBRICA - Italiani brava gente

Ecco la citizen-science. Così il Museo della Maremma “sbarca” a Londra

In principio fu il citizen-journalism, vi ricordate? Con l’avvento della rivoluzione digitale, dei siti come youtube o dei blog, i cittadini potevano diventare reporter diffusi sul territorio, perché diventava semplicissimo filmare, fotografare, testimoniare fatti di cronaca.
Poi, con il web 2.0 arrivò tutto il resto. Dai social network in poi non c’è più nulla che non sia “citizen-qualcosa”, pensate, giusto per fare due esempi, ai ragazzi della primavera araba cresciuti tra facebook e twitter o alle centinaia di migliaia di finanziatori diffusi per piccoli e grandi progetti che fanno “crowdfunding”, finanziamento dal basso su siti come Kickstarter o Musicraiser. Aveva cominciato Barak Obama, vincendoci le elezioni.
E allora, per noi che siamo cresciuti a pane e Piero Angela, che gioia e che gaudio quando abbiamo saputo che il piccolo Museo di Storia Naturale della Maremma è stato invitato dal Royal College di Londra (una delle più antiche e importanti istituzioni scientifiche del mondo) a far parte dei fondatori dell’Associazione Europea di Citizen Science. In pratica, le tre città che faranno da apripista in questa che è l’ultima frontiera della ricerca scientifica saranno Londra, Berlino e … Grosseto.
La citizen-science è la partecipazione del pubblico nella ricerca scientifica ed è una cosa serissima: si chiede a cittadini che nella vita fanno tutt’altro di unirsi agli scienziati e ai ricercatori per realizzare insieme dei progetti che, con l’aiuto di molte persone, riescono meglio e più velocemente. Esempi classici sono la raccolta dei dati o la verifica di fenomeni diffusi sul territorio. Grazie ai telefonini che abbiamo in tasca possiamo fare cose che gli scienziati non potevano nemmeno immaginare fino a poco tempo fa.
Volete misurare l’inquinamento acustico di una città con milioni di abitanti? Basta usare una applicazione come Noisetube e avrete migliaia di cittadini-sensori geolocalizzati per misurare tutto il rumore che volete. Vi interessa tradurre i suoni delle balene? Partecipate a WhaleFM e dal vostro computer aiuterete i ricercatori a estrarre migliaia di suoni in un tempo record. Andrea Sforzi, il giovane direttore del Museo di Storia Naturale della Maremma sta cercando di portare in Italia proprio questo approccio, forse perché il suo è un piccolo museo, forse perché da noi la ricerca scientifica non ha mai avuto particolari attenzioni economiche dai vari governi. Fatto sta che il coinvolgimento dei cittadini sembra essere una risposta efficace e coinvolgente.
A fine maggio ha organizzato il suo primo Bio-blitz portando per 24 ore filate più di duecento persone nell’oasi di San Felice a Fiumara a lavorare insieme ai ricercatori per identificare e catalogare le specie della zona. In un giorno e una notte (temporale compreso) hanno identificato 155 specie animali, 172 vegetali e 39 tra funghi e licheni. Un risultato straordinario ottenuto in un tempo incredibilmente ristretto, questa è la citizen science: cittadini uniti per arrivare là dove nessun uomo (da solo) è mai giunto prima. Anche in Maremma!

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui