RUBRICA - Web&Social

Donne e tecnologia, quanti stereotipi ancora da abbattere

Nei giorni scorsi si è celebrato l’Ada Lovelace Day, una ricorrenza dedicata a mettere in evidenza il contributo femminile alla scienza e alla tecnologia. La celebrazione è nata nel 2009 dall’iniziativa di Suw Charman-Anderson, giornalista scientifica stanca di frequentare eventi dedicati a Ict, scienza e innovazione e vedere sul palco relatori tutti o quasi tutti uomini: un’esperienza frustrante che vivo spesso anch’io nel mondo digital.

Il problema è duplice: da una parte, stereotipi duri a morire fanno sì che bambine e ragazze siano inconsapevolmente indotte a pensare di essere meno portate dei loro coetanei maschi verso le discipline matematiche, scientifiche e tecnologiche (le cosiddette Stem). Questa percezione è totalmente infondata nei fatti ma ancora molto solida nell’immmaginario collettivo: quanti telefilm, spot, video umoristici hanno come protagonisti dei nerd brufolosi e secchioni e delle ragazzine frivole e un po’ oche? Per ciascuno di questi, quanti esempi “a ruoli rovesciati” riuscite a contare?

Non è solo questione di role model: le aspettative stesse di famiglie e mondo della scuola orientano le scelte femminili più verso percorsi di tipo umanistico e letterario che verso le Stem.

Inoltre, se le donne che lavorano nella scienza e nell’Ict sono tuttora meno degli uomini, fino a poco tempo fa erano praticamente invisibili, a partire dalla storia della scienza. Quanti di voi sanno che Ada Lovelace è stata la prima a scrivere algoritmi pensati per far funzionare una macchina calcolatrice (il calcolatore programmabile di Charles Gabbage), quindi di fatto ha inventato la programmazione? E che è stata una matematica, Margaret Hamilton, a scrivere i programmi che hanno portato la navicella Apollo sulla Luna?

Il gender gap tecnico-scientifico rappresenta un problema sia per le giovani donne, escluse dalle opportunità di un settore che genera sempre più ricchezza e posti di lavoro, sia per la società nel suo complesso, che non sfrutta appieno il loro potenziale.

Negli ultimi anni sono nate varie iniziative che incentivano bambine, ragazze e donne ad avvicinarsi alle discipline Stem e a coltivare non solo le proprie competenze sociali e linguistiche, ma anche quelle analitiche, matematiche, progettuali; è arrivato anche il momento di abbattere i cliché opposti, quelli che tengono i maschi lontani dal cosiddetto lavoro di cura, sia in famiglia che fuori. Una società con meno stereotipi rende migliori le vite delle persone e permette alle idee di fiorire e svilupparsi.

Approfondimenti Girl Geek Life – www.girlgeeklife.com È un magazine online indipendente nato dall’iniziativa delle prime organizzatrici delle Girl Geek Dinner in Italia; parla di tecnologia, gadget, internet, con un’attenzione speciale alla valorizzazione e al coinvolgimento delle ragazze e delle donne appassionate di tecnologia e digitale.
Girls Who Code – www.girlswhocode.com Organizzazione non-profit fondata negli USA da Reshma Saujani con l’obiettivo di abbattere il gender gap tecnologico, nel giro di pochi anni ha coinvolto oltre 90.000 ragazze in corsi di programmazione e informatica. Dall’esperienza è nato il libro omonimo, che spiega i concetti di base della programmazione e racconta le storie di molte informatiche di ieri e di oggi.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui