Cupido è sulla app

Cresce sempre più il numero di coppie che nascono online sulle app di incontri: usarle per cercare una nuova relazione o l’avventura di una notte fa parte ormai della normalità, soprattutto per chi ha meno di 35 anni. Anche se non hai intenzione di cercare l’anima gemella, è interessante capire meglio il mondo del dating online e qual è il suo modello di business.

Tinder, Badoo, Meetic, Grindr o Facebook Dating sono solo alcune delle piattaforme create per cercare persone da incontrare e sono sempre più diffuse. Tinder dichiara 9 milioni di utenti italiani, Meetic sostiene di aver fatto nascere un milione di coppie nel nostro Paese, e la stessa pandemia ha aumentato la propensione degli utenti a cercare occasioni di incontro digitali prima o al posto degli incontri IRL (in real life, nella vita reale).

Tutte le app di dating funzionano in modo simile: si crea un profilo con foto e informazioni che aiutino l’algoritmo a proporre gli incontri giusti; si specifica il tipo di persona che si cerca e per quale tipo di relazione; la app mostra altri profili “compatibili” e quando il gradimento è reciproco scatta la possibilità di entrare in contatto attraverso una chat di messaggistica privata. Da lì, se è il caso, si va avanti, trasferendo la conversazione su altri social o in videochiamata prima di incontrarsi di persona.

Le funzioni base sono gratuite ma si può pagare per aumentare le opzioni di contatto o rendere più visibile il proprio profilo, tendenza in forte aumento: Match Group, che possiede 45 app di dating fra cui Tinder, Match.com, Meetic, OkCupid, ha fatturato nel 2020 quasi 2,4 miliardi di dollari. Anche se ci sono app più orientate all’avventura e al divertimento “senza impegno” e altre più votate a chi cerca l’anima gemella, molto dipende da come ci si presenta: una foto di addominali come prima immagine di profilo dice molto, così come il dichiarare di essere già impegnati o, al contrario, di cercare una compagna di vita. Tutte le app permettono di indicare il proprio orientamento sessuale e cercare persone dell’altro sesso o del proprio; Grindr è costruita espressamente per persone gay, bi, trans e queer.

Le lamentele più frequenti di chi le usa riguardano la necessità di pagare, la presenza di profili fake (falsi), e, da parte delle utenti donne, il gran numero di richieste da filtrare; c’è poi il possibile imbarazzo di incontrare persone che si conoscono già, spesso ovviabile scegliendo le opzioni a pagamento. Per migliorare l’esperienza del dating al femminile, nel 2014 una delle cofondatrici di Tinder ha creato Bumble, dove il primo passo spetta alle donne e gli utenti uomini possono mettere il like solo in risposta. Bumble ha poi esteso il suo ambito d’azione anche oltre gli appuntamenti romantici, e la si può usare anche per cercare amici o contatti di lavoro; del resto, nella realtà le relazioni sono tanto fluide e interconnesse quanto le dimensioni offline e online delle nostre vite.

A ciascuno il suo dating Sul sito di Agenda Digitale, un articolo sulle app di incontri “specializzate”: over 50, genitori single, vegetariani, runner, gamer, c’è un Cupido per tutti: https://bit.ly/3u3EkZc

Il 2021 dei cuori online  Dati interessanti e molte curiosità si trovano nel report annuale di Tinder sul 2021: uno specchio dei mutamenti di abitudini e approcci alle relazioni generati dalla pandemia e dai suoi strascichi.

https://it.tinderpressroom.com/news?item=122513

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui