RUBRICA - Cibo e Cultura

Cucinare… in massima sicurezza

Il termine “sicurezza”, collegato al cibo, può essere declinato in diversi modi: può significare che il cibo è sicuro sul piano igienico, e non ci farà ammalare (gli inglesi la chiamano safety); che la sua disponibilità è assicurata, e non avremo fame (gli inglesi la chiamano security). Altra prospettiva, decisamente inconsueta, è quella di “cucinare in massima sicurezza” cioè fra le sbarre di un carcere. Di questo, alcuni anni fa, si è occupato Matteo Guidi, producendo un piccolo libro di straordinario interesse.

È un ricettario nato in carcere, ideato e scritto con detenuti nelle sezioni di alta sicurezza delle carceri italiane, dove limitazioni e impedimenti escludono un rapporto “normale” con gli oggetti e le tecnologie, dando origine a problemi e difficoltà impensate. Difficoltà che riguardano il reperimento delle risorse ma, prima ancora, gli utensili per trattarle: pensiamo solo a cosa vuol dire lavorare il cibo senza coltelli. Nel mutato contesto, ad acquistare valore sono oggetti semplici che sorprendono per la loro adattabilità a nuovi usi: un manico di scopa che diventa mattarello, i lacci delle scarpe che legano la pancetta messa a stagionare, un televisore che facilita la lievitazione del pane o della pizza, l’armadietto trasformato in forno

In tutto ciò colpisce la genialità con cui si ricercano soluzioni fuori dalla norma proprio per recuperare la “normalità” delle abitudini, dei sapori, dei gusti negati. L’impegno che questi uomini mettono nella realizzazione di obiettivi in apparenza semplici, in realtà estremamente complessi, suscita stupore e ammirazione per l’intelligenza e l’ingegnosità delle strategie escogitate. E davvero capisci quanta cultura e quanto lavoro (due termini che ho sempre amato pensare sinonimi) si accumulino nelle pratiche di cucina. Capisci l’impegno che gli uomini hanno sempre speso a elaborare gestualità e saperi, a inventare e reinventare modi di fare (e prima ancora, di pensare) che poi hanno desiderato condividere e trasmettere.

Fra le non molte cose che veramente distinguono gli uomini fra tutti gli esseri viventi, la cucina è davvero la più significativa ed esclusiva. Perciò è il segno dell’identità umana, di un’appartenenza che ci inorgoglisce e che teniamo sempre a confermare e consolidare, anche nelle condizioni più difficili. “Io nella mia cella faccio il pane!”: questa affermazione di un detenuto, che ha affascinato Matteo Guidi sollecitandolo a intraprendere un percorso di ricerca durato anni, è come il manifesto di una cultura che ci portiamo dietro sempre e ovunque. Ed è bello pensare che il cibo, in qualsiasi situazione, possa aiutarci a vivere meglio.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui