RUBRICA - Web&Social

Con podcast e audio, contenuti digitali a portata di orecchie

l social-fenomeno esploso fra il 2020 e il 2021 è stato indubbiamente Clubhouse, piattaforma social basata su conversazioni vocali in diretta; accessibile solo su invito e lanciata in un primo momento esclusivamente per i sistemi Apple, se ne è parlato e scritto per mesi – prima negli USA e in seguito da noi – come “il posto dove essere presenti”, per condurre o semplicemente ascoltare conversazioni interessanti. Quando qualcuno lancia un’idea che cattura la curiosità di molti utenti, passato il momento iniziale, in cui l’outsider sfrutta il vantaggio di averci pensato per primo, arrivano le grandi piattaforme a offrire funzionalità simili. Era successo per i contenuti effimeri di Snapchat, copiati e riproposti come stories prima su Instagram e poi su Facebook; allo stesso modo, le stanze di conversazione di Clubhouse hanno spinto Twitter a lanciare Spaces, una funzione del tutto simile, e Facebook ha annunciato per l’estate l’arrivo delle Live Audio Rooms.

Certo, dopo un anno abbondante passato in videochiamate con amici e colleghi, probabilmente non ne possiamo più di stare seduti davanti a un monitor o fissare lo schermo dello smartphone: i contenuti audio hanno il grande vantaggio di poter essere fruiti anche mentre ci muoviamo o facciamo altro, come già sapeva mia madre che, quarant’anni fa, cuciva in casa ascoltando la radio – mica avrebbe potuto farlo guardando la televisione! Così anche l’offerta di audiolibri e podcast è aumentata a dismisura: le piattaforme come Audible (di Amazon) e Storytel propongono sia classici che nuove uscite, combattendosi l’una con l’altra a suon di esclusive: non solo romanzi e saggi, ma anche podcast, serie originali e veri e propri audiodrammi, alcuni dei quali poi diventano serie video. Anche molti giornali online offrono la versione audio degli articoli più importanti, e ultimamente molte delle newsletter che ricevo si possono anche ascoltare: un modo per accontentare (o rincorrere) chi è stanco di leggere o si trova più a suo agio così.

Insomma, chiunque produce contenuti sa bene che ormai il nostro problema più grande è filtrare, scegliere, decidere cosa NON leggere, cosa NON guardare, cosa NON ascoltare. Forse la risposta non sta nell’inventare nuovi formati combattendo per conquistare gli ultimi ritagli di tempo e attenzione, ma nel cominciare a chiedersi cosa veramente vale la pena di raccontare, senza alzare troppo la voce.

Un podcast per saperne di più Su un tema come social e podcast non poteva mancare un approfondimento in modalità audio: ne parla Gianluca Diegoli, intervistato da Enrico Pagliarini su Radio24 (se vuoi saltare subito all’argomento, vai alla posizione 18’48”, ma tutta la puntata è molto interessante): alebego.li/socialaudio

Per le chat vocali di gruppo c’è Discord Se hai a che fare con adolescenti, probabilmente conosci almeno di nome Discord, piattaforma nota soprattutto fra gli appassionati di videogiochi, che permette di gestire chat, chat vocali e videochiamate. Negli ultimi mesi è diventata popolare anche al di fuori del mondo dei gamer (i giocatori online), per la possibilità di organizzare in modo elegante lezioni, gruppi di discussione, riunioni. Anche qui, la caratteristica vincente è potere estendere il più possibile le opzioni di uso, seguendoci in ogni momento e situazione.
Di Discord e della sua evoluzione, anche in ottica business, parla un articolo de il Post: f

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui