RUBRICA - Italiani brava gente

Colleferro va in orbita

Colleferro ha ventiduemila abitanti e sta in Lazio, a una sessantina di chilometri da Roma. Da Kourou, Guyana Francese, sono 7.300 chilometri (metro più metro meno). Ma dal 13 febbraio scorso Colleferro e Kourou sono più vicini. E Colleferro è diventata più importante. Il 13 febbraio, alle undici ora italiana, dal Centro Spaziale Europeo di Kourou, è stato lanciato Vega. Vega è un vettore spaziale, un missile come diciamo noi che non ce ne intendiamo, e quello era il suo primo volo. Che è come un parto. C’è apprensione. Anche un filino d’ansia. E infatti si chiede sempre: “È andato tutto bene?” Si. È andato tutto bene. Hanno tirato un sospiro di sollievo anche a Colleferro. Perché Vega è costruito per il 65% a Colleferro e dietro ci sono otto anni di lavoro e un programma di ricerca iniziato negli anni ’90. Il resto è francese (12%), spagnolo (7%), belga, (6%), olandese, svizzero e svedese per il poco che rimane.
Vega è un razzo-vettore a quattro stadi, i primi tre stadi sono alimentati da propellente solido, il quarto funziona a propellente liquido. È alto 30 metri, ha un diametro massimo di tre, pesa 136 tonnellate e serve a portare in orbita i satelliti. 
Lui è specializzato nei satelliti piccoli e completa la gamma dei lanciatori europei: c’è Ariane 5 che porta su colossi anche di 10 tonnellate e Soyuz che è specializzato per pesi intermedi. Portare in orbita satelliti di piccole dimensioni è importante perché vuol dire ampliare il mercato, aprendo le porte dello spazio a quelli che prima non avrebbero potuto affrontarne i costi: le università, le piccole e medie imprese, i centri di ricerca. Sono piccoli satelliti quelli che servono per l’osservazione del territorio o il monitoraggio dell’ambiente. 
Stanno in un’orbita bassa, a 700 km, e pesano fino a 1.500 Kg. Siccome il primo lancio di un vettore è sempre un’incognita e non sai mai se arriverà tutto intero fin lassù, quelli di Vega hanno “offerto” un passaggio gratuito a chi ha accettato la scommessa. 
Tra questi l’Università di Bologna che ha portato in cielo Almasat1 e il Politecnico di Torino e la Sapienza di Roma che hanno messo in orbita UniCubeSat. In fondo se hai la macchina nuova e la provi con un amico, mica lo fai pagare!
Vega poi è un missile flessibile: diminuendo il carico, può aumentare la quota raggiungibile. Può anche modificare l’inclinazione dell’orbita rispetto all’equatore terrestre, e parcheggia il satellite dove volete: dalle orbite polari fino a quelle equatoriali. 
Poi risparmia carburante perché tre dei suoi quattro motori, vengono tutti prodotti a Colleferro, sono realizzati in fibra di carbonio, un tecnologia innovativa che permette di essere più “leggeri” e quindi di consumare meno. Tra un po’ la useranno anche per gli Ariane 5.
Con Vega, da febbraio 2012, l’Italia fa un passo avanti anche nel prestigio internazionale. Perché entra a far parte di quel ristrettissimo numero di Paesi che possono vantare una propria tecnologia di accesso allo spazio. Possiamo fare i grossi adesso, sobri, ma grossi: siamo uno dei sei paesi al mondo in grado di realizzare un lanciatore completo. Orgoglio italiano, viva Colleferro.

Massimo Cirri e Filippo Solibello

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui