RUBRICA - Terra, uomini e clima

Clima, siamo al codice rosso

Il 9 agosto scorso il Comitato intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (Ipcc) ha reso noto il sesto Rapporto sullo stato del clima globale. Il contenuto non è nuovo: ribadisce – come i cinque rapporti precedenti, usciti negli ultimi trent’anni – che il riscaldamento globale è causato inequivocabilmente dalle attività umane e che andiamo verso un futuro di eventi estremi, molto rischioso per la nostra società e soprattutto per le giovani generazioni. La differenza sostanziale di questo nuovo documento scientifico sta nel livello di allarme e nell’urgenza di azione richiesta ai governi: ormai manca poco tempo se vogliamo evitare lo scenario peggiore, che porterebbe a un aumento di temperatura di oltre quattro gradi al 2100 con annessa salita del livello marino di circa un metro.

Il Segretario generale delle Nazioni Unite, l’ingegnere portoghese Antonio Guterres, ha definito il sesto rapporto Ipcc “un codice rosso per l’umanità”. Il messaggio di estrema preoccupazione della figura istituzionale che rappresenta tutti i 195 Paesi del mondo è stata sulla prima pagina di qualche giornale straniero, ma non ha avuto la risonanza che meritava. Eppure questa estate 2021 ha mostrato tali e tante anomalie climatiche da confermare ancora una volta  che siamo già dentro il cambiamento climatico: la temperatura media del pianeta è infatti già aumentata di 1,1 gradi nell’ultimo secolo e il livello marino sta già salendo di 3,7 mm all’anno.

A fine giugno a Lytton, piccola cittadina canadese nell’entroterra di Vancouver, posta alla stessa latitudine di Bruxelles, il termometro ha toccato i 49,6 gradi, record assoluto secolare per l’intero Canada. A inizio luglio è toccato al nord della Scandinavia registrare 34 gradi, il valore più elevato in Europa oltre il circolo polare artico, e poi in agosto a Siracusa c’è stato il record assoluto di caldo italiano ed europeo: 48,8 gradi. Mai in duecento anni di osservazioni nazionali si era arrivati a tanto. L’effetto della canicola e della siccità si è tradotto in disastrosi incendi boschivi: le foreste assetate si trasformano in pericolosi depositi di materiale infiammabile e basta una distrazione o un atto doloso per far scoppiare incendi indomabili: abbiamo tutti negli occhi le cronache infuocate dalla California, Turchia, Grecia, Sardegna, Midi Francese, Siberia…

Rovescio della medaglia, le alluvioni: quelle inedite e mortifere di inizio luglio tra Germania e Belgio, quelle nostrane del Comasco che hanno allagato anche la villa di George Clooney. E per finire la stagione, gli uragani Henri e Ida che hanno martoriato gli Stati Uniti.

La lista è molto parziale, ma i danni da disastri meteorologici – avverte l’Organizzazione Meteorologica Mondiale – sono aumentati di cinque volte in 50 anni. Ma appena passati un paio di giorni, il più importante rapporto sul futuro dell’umanità è scomparso ancora una volta dai radar dell’informazione cartacea e televisiva, dai dibattiti politici e dalle discussioni del bar, e siamo tutti tornati a fare quello che facevamo prima. Che purtroppo è proprio ciò che causa i cambiamenti climatici.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui