RUBRICA - Nutrizione e salute

Il cibo può causare dipendenza

Può capitare di desiderare fortemente un determinato alimento e chiedersi: starò diventando dipendente? La dipendenza è un termine solitamente riservato a sostanze stupefacenti, gioco d’azzardo, sigarette ed alcol; tuttavia nuove dipendenze quali quella da internet stanno emergendo, la più diffusa e discussa tra le nuove dipendenze è quella da cibo. L’epidemia di sovrappeso ed obesità a cui si assiste in tutto il mondo pone molte domande sul perché sia così difficile contrastare tale fenomeno; una delle possibili risposte credo sia che storicamente la medicina abbia dato poco spazio alle neuroscienze per cercare di spiegare e contrastare il fenomeno. Forse si riteneva che solo sostanze “forti” in grado di scatenare un piacere intenso potessero dare dipendenza, ed il cibo era troppo “debole”; tuttavia i modelli sperimentali dimostrano con sempre maggior evidenza che la dipendenza da cibo esiste.

All’inizio degli anni 2000 a Princeton un ricercatore di origini Italiane, Carlo Colantuoni, fu tra i primi a dimostrare su modelli sperimentali che in caso di dipendenza da zucchero nel cervello avvengono modifiche simili a quelle di molte altre dipendenze, dati confermati da studi di risonanza magnetica funzionale svolti sull’uomo da David J. Linden del Johns Hopkins. Quest’ultimo ha scritto anche un libro divulgativo proprio sul tema intitolato “la bussola del piacere” in cui spiega perché junk food, sesso, sudore, marijuana, vodka e gioco d’azzardo ci fanno sentire bene ma provocano frequentemente dipendenza. La prova del nove al fine della dimostrazione dell’esistenza della dipendenza da cibo è stata fatta ricreando i sintomi di una crisi di astinenza in laboratorio sospendendo improvvisamente la disponibilità di zucchero in animali dipendenti, crisi che si risolve rendendo nuovamente disponibile l’oggetto della dipendenza.

La dipendenza da cibo è stata dimostrata sia per cibi ricchi in zuccheri che per cibi ricchi di grassi (ad elevata densità energetica) che possono essere sia dolci che sapidi. Lo studio meticoloso di alcuni alimenti industriali, chiamato “food engineering”, li rende poi particolarmente appetibili; più gli alimenti sono appetibili più è difficile controllarsi, incrementando il rischio di abuso soprattutto in soggetti vulnerabili ed in momenti delicati della vita. Certamente il fenomeno della dipendenza non può spiegare in toto il fenomeno dell’obesità che è multi-fattoriale, coinvolgendo, tra gli altri, anche aspetti sociali, economici, culturali, genetici e psicologici. Tuttavia la dipendenza da cibo è particolarmente difficile da contrastare: tutte le altre dipendenze si combattono in primis con l’astensione dall’oggetto della dipendenza; tuttavia con il cibo non è possibile smettere perché è necessario per la nostra vita, ed anche potenzialmente utile alla nostra salute quando si segue una dieta bilanciata. Dunque è meglio impostare fin dai primi anni un rapporto sano con il cibo e non rischiare di diventarne dipendenti: anche se si pensa di riuscire a tornare indietro non sempre si riesce, ed è meglio non sottoporre il nostro cervello al rischio delle modifiche indotte da una dipendenza.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui