RUBRICA - Terra, uomini e clima

Causa climatica: ora tocca all’Italia

lI cambiamento climatico minaccia le vite e i diritti umani delle giovani generazioni. Rischiamo di consegnar loro un pianeta ostile, costellato di eventi meteorologici estremi, con un livello del mare che a fine secolo potrebbe essere più alto di un metro. Fenomeni enormi, irreversibili, inediti per la civiltà, contro i quali nulla si potrà fare. Il momento di agire per scongiurarli è invece oggi, quando è ancora possibile ridurre le emissioni di gas a effetto serra che determinano il riscaldamento globale.

Ma chi difende i diritti ambientali dei più giovani? Fino a ieri nessuno, ora la giurisprudenza va via via riconoscendo una responsabilità transgenerazionale delle azioni compiute in momenti precedenti. E questo è un bene, perché se con i dati scientifici e gli appelli del mondo ecologista non si è ottenuto quasi nulla, forse saranno i tribunali a imporre ai governi scelte più rispettose della qualità di vita di chi verrà dopo di noi. È così che in tutto il mondo gruppi di cittadini hanno cominciato a denunciare i governi dando il via a circa 1.500 contenziosi per la giustizia climatica, le “climate litigations”. Ha fatto da apripista nel 2015 la causa della fondazione Urgenda nei Paesi Bassi. Nessuno la dava vincente, eppure i giudici della Corte Suprema nel 2019 hanno dato ragione ai cittadini olandesi e condannato lo Stato a essere più incisivo nel contrasto ai cambiamenti climatici.

Ha fatto seguito in Francia la causa “L’affaire du siècle” intentata da alcune associazioni ambientaliste e sostenuta da 2,3 milioni di firme. Con sentenza del 3 febbraio 2021, il Tribunale Amministrativo di Parigi ha riconosciuto responsabilità e carenze dello Stato francese dinanzi all’emergenza climatica. In Germania un gruppo di giovani tra i 15 e i 32 anni ha impugnato la legge federale sulla protezione del clima e la Corte costituzionale ha dato loro ragione. E lo stesso è capitato in Irlanda con l’iniziativa dei “Friends of the Irish Environment”.

In Italia ci sono voluti un paio d’anni per preparare “Giudizio Universale”, frutto di un team di avvocati e giuristi tra cui Michele Carducci dell’Università del Salento, esperto di diritto climatico. Si tratta della prima azione legale climatica promossa contro lo Stato italiano, presentata il 5 giugno 2021 al Tribunale Civile di Roma a nome di più di 200 attori ricorrenti: 162 cittadini e cittadine, tra cui chi scrive, 17 minori rappresentati dai genitori e 24 associazioni. Oggetto della causa è citare in giudizio lo Stato per inadempienza climatica, cioè per l’insufficiente impegno nella riduzione delle emissioni climalteranti, sancita pure da trattati internazionali a cui lo Stato stesso ha aderito.

La principale richiesta al giudice consiste nel condannare lo Stato italiano a ridurre le emissioni di gas a effetto serra del 92% entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990, per un equo raggiungimento degli obiettivi dell’Accordo di Parigi. Ci auguriamo un verdetto in linea con quello delle altre Corti europee e speriamo che la proverbiale lentezza della giustizia italiana non attenda a pronunciarlo quando il clima sarà ormai tropicale…

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui