RUBRICA - Web&Social

Capire TikTok, il social network degli adolescenti

Nella mappa dei social network TikTok è il territorio dei giovanissimi, quelli che non troverete mai su Facebook perché lì ci stiamo noi adulti. Questo social network cinese permette di creare e condividere brevi video di un minuto al massimo; si possono scaricare brani musicali e usarli come sottofondo per le proprie esibizioni di ballo o di mimo, ci sono filtri ed effetti speciali, si possono creare video “in coppia” o semplicemente girare scene buffe o mini-tutorial.

Il tutto genera un flusso ininterrotto nel quale è facile perdersi per ore guardando un video dopo l’altro e controllando compulsivamente quanti like hanno ricevuto i propri post: niente di diverso da quel che fanno gli adulti su Facebook o Instagram, tranne per il fatto che su TikTok di adulti ce ne sono pochissimi. Fanno eccezione celebrità o politici, che sono lì perché il loro social media strategist ha deciso che “dobbiamo stare anche su TikTok”, possibilmente producendo ogni tanto un video abbastanza curioso o controverso da far parlare di sé.

Perché allora preoccuparsene? C’è chi ha accusato TikTok di essere un meccanismo di sorveglianza di massa globale controllato dal governo cinese, e in effetti di cosa succeda dei nostri dati personali quando li affidiamo a un gestore poco controllabile non possiamo garantire nulla: la tutela della privacy non è sempre una priorità fuori dall’Unione Europea. Con TikTok il terreno è particolarmente scivoloso perché stiamo parlando di giovanissimi, gli stessi che non dovrebbero aprire un profilo social prima dei 13 anni compiuti e che invece magari da bambini ne hanno più di uno e passano ore con lo smartphone in mano.

Ma è degli adulti, in primo luogo genitori e insegnanti, la responsabilità di accompagnare i figli nei luoghi digitali in cui possono stare, e anche di dire all’occorrenza qualche no, spiegando il senso delle regole e insegnando a leggere i termini di servizio invece di scavalcarli con la finta furbizia di una data di nascita falsa. Tutti da ragazzini abbiamo fatto bravate pericolose: le sfide stupide sono sempre esistite, semmai oggi il problema è che vengono amplificate molto velocemente, soprattutto da un certo giornalismo alla ricerca di storie ad effetto.

Non è affatto certo che una presunta “sfida su TikTok” sia stata all’origine della morte della bambina palermitana; è invece certo che ci sono, accanto a noi, preadolescenti e bambini lasciati soli, senza figure adulte che sappiano dare risposte alle loro domande e al loro bisogno di riconoscimento e attenzione. Non basta invocare la chiusura di una piattaforma o affidarsi a soluzioni puramente tecnologiche come i filtri parentali: le risposte ai problemi educativi si trovano nel dialogo e nella volontà di comprensione, in una cittadinanza (anche digitale) attiva e solida.

Per saperne di più
Per capire meglio il fenomeno TikTok,  numerosi gli articoli pubblicati on line su Wired: www.wired.it/topic/tiktok

Su come i media trattano (spoiler: male) il tema del disagio giovanile in relazione anche all’uso delle piattaforme digitali, l’approfondimento di Claudia Torrisi su Valigia Blu: www.valigiablu.it/autolesionismo-giovani-media
Sempre su Valigia Blu, si parla anche dei  limiti delle “soluzioni tecnologiche” alle problematiche legate all’uso dei social da parte dei minori: www.valigiablu.it/minori-tik-tok-social-spid

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui