RUBRICA - Le parole per dirlo

Avercela con Greta, ma perchè?

Bisogna starci attenti, a come si invecchia, e non intendo, banalmente, riferirmi alla cura della propria salute, fisica e morale, che diventa, da una certa età in avanti, un’ossessione, una specie di religione e di fede forse, nella possibilità di divenire immortali. Non è questo il punto dell’invecchiare bene, o almeno non solo. Il punto è che mentre vien meno la presa dei denti e il morso diventa pertanto meno aggressivo, gli occhi perdono diottrie, la spina dorsale si accartoccia su se stessa, l’apparenza della giovinezza è ormai un ricordo e non ci si riesce più a star dietro a tutto come si faceva un tempo. Si arranca tra medici e farmacie dove partono delle mezze pensioni in medicine e integratori mentre nel frattempo il mondo scorre e corre attorno e con quelle diottrie perse e vertebre schiacciate tutto quel che si riesce a pensare riguardo alla giovinezza è il fastidio che provoca quella altrui. Quegli occhioni sognanti, quell’ingenuità, quella tremenda capacità di perdere tempo seduti su una panchina ad ascoltare musica orribile, magari fumando sigarette condite mentre progetti di partecipare alle manifestazioni per l’ambiente. Quelle contraddizioni che, se ben gestite e sostenute, generano lo slancio al cambiamento, producono invece irritazione.

Un po’ di coerenza, suvvia, ragazzi! Non tutti gli adulti in via di diventare vecchi hanno questo sguardo qui, sia chiaro, molti hanno figli, nipoti e cercano di dialogarci, di sostenerli, di comprenderne le abulie e gli slanci, ma l’atteggiamento di molti adulti nei confronti del popolo di un milione e mezzo di giovani di ogni nazionalità che il 27 settembre di quest’anno, dopo le prove generali dello sciopero di marzo, è riuscito a riempire le piazze di tutto il mondo con i Fridays For Future (100 Paesi, dagli Stati Uniti all’Australia passando per India, Kenya, Uganda, Patagonia, tanto per citare posti lontanissimi tra loro, ma uniti da similari preoccupazioni) ha dell’incredibile. La figura iconica della giovane Greta Thunberg, portavoce mondiale del movimento che denuncia l’emergenza climatica e chiede ai Governi di tutto il mondo di impegnarsi per fermare il riscaldamento globale e fare scelte che vadano in direzione non del profitto (soldi, parlate solo di soldi!) ma della preservazione delle risorse naturali e per un’armonia tra impatto umano ed ecologia, si è attirata ogni genere di critica, di insulto e addirittura di sberleffo. Forse, a un certa età, di cosa succederà al mondo dopo di noi, ce ne frega poco e preferiamo sapere i nostri figli e i nostri nipoti col deretano al sicuro su una sedia dentro un’aula scolastica, al calduccio, a studiare le guerre puniche, o incaponirsi su un’equazione piuttosto che immaginarli in strada con la faccia dipinta e gli striscioni verdi azzurri che ci ricordano che, se di piani possibili ce ne son tanti, non esiste un Pianeta B (There’s not planet B). La sfida sul futuro riguarda loro, quelli che hanno meno di vent’anni, e questo è chiaro, ma la richiesta che questi giovani stanno facendo al mondo adulto è importantissima e non può essere dribblata con noncuranza.

Il quarto sciopero globale per il clima è fissato per il 29 novembre, lo slogan è “block the planet” e prevede, come è stato fino ad ora, pratiche non violente di disobbedienza civile. Il tema portante è la rinconversione ecologica, partendo dall’assunto che la giustizia climatica è giustizia sociale. Forse sarebbe il caso di mettersi gli occhiali, raddrizzare schiene e dentiere e accompagnare questi ragazzi nel loro ideale solido di immaginare e costruire un mondo più giusto. L’unico possibile.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui